Abbiamo avuto la fortuna di partecipare al press camp dell’iconico brand Moustache che si è svolto nella splendida regione francese dei Vosgi, nome che identifica anche la catena montuosa dell’Europa centro-occidentale.

Durante la presentazione di parte della gamma 2021 (chiamata Saison 10, la decima stagione per Moustache) abbiamo messo alla prova la mountain bike elettrica da enduro top di gamma Samedi 29 Game 10 disponibile al prezzo di 7.599 euro.

Ecco nostro il test con le prime impressioni.

[Update ottobre 2020]: Ti interessano le bici elettriche del marchio francese Moustache? Abbiamo pubblicato sul nostro portale un lungo articolo dedicato alla sua intera nuova gamma: clicca oltre per visionare il catalogo 2021 delle ebike Moustache.

Moustache Samedi 29 Game 10 2021: caratteristiche tecniche

La Game 10 è un modello già presente in gamma che riceve degli upgrade per il 2021; ha 160 mm di travel, il telaio è in alluminio, il motore è il Bosch CX Gen4 con aggiornamento 2020 e la batteria è integrata da 625 Wh.

La miglioria più evidente è la forcella FOX 38 con 170 mm di escursione. Da altri test già effettuati possiamo affermare che una forcella con steli da 38 mm è un elemento che davvero può cambiare il comportamento di una eMTB da enduro, ovviamente in meglio. Infatti i tecnici Moustache sono intervenuti anche sull’idraulica dell’ammortizzatore posteriore per equilibrare il lavoro delle sospensioni.

Foto della forcella Fox 38 sulla Moustache Game 10 2021

La FOX 38 Grip2 presenta doppie regolazioni di compressione e ritorno ad alte e basse velocità, non semplici da regolare. La bici in test inoltre aveva un Maxxis Assegai EXO+ all’anteriore mentre da specifiche viene montato un EXO normale.

Elemento chiave delle eMTB di Moustache, l’ammortizzatore Magic Grip Control è progettato in Francia e realizzato poi da un’azienda di sospensioni: è studiato appositamente per offrire un controllo dinamico del ritorno e migliorare la guida anche in salita tecnica, grazie a un circuito del ritorno particolare che restituisce una buona spinta dopo ogni compressione ma non fa ondeggiare la sospensione sulle sconnessioni in sequenza.

Foto della Moustache Samedi 29 Game 10 2021

La Moustache Samedi 29 game 10 2021 ha un prezzo di 7.599 euro e un peso di 23,2 kg in taglia M.

La Moustache Samedi 29 Game 10 2021 in pillole

  • Telaio alluminio 6061 T4-T6 escursione 160 mm, flip-chip regolazione geometria, guidacatena
  • Forcella FOX, Float 38 Factory, GRIP2 da 170 mm, offset 44 mm
  • Ammortizzatore Moustache ad aria Magic Grip Control 2 posizioni 205 x 65 mm,
  • Motore Bosch Performance Line CX 250 W, 85 Nm, funzione “extended boost”
  • Batteria Bosch PowerTube 625 Wh
  • Caricabatteria Bosch 6Ah (caricatore rapido)
  • Display Bosch Kiox aggiornato
  • Trasmissione Shimano XTR/XT/e*thirteen/FSA 12v corona 34, cassetta 10-51
  • Freni Shimano XT 4 pistoni dischi 203 mm a/p
  • Ruote Moustache Just_Carbon 29″, 28 fori, canale interno 31 mm
  • Pneumatici Maxxis Assegai 29×2,50″, pieghevoli, TLR EXO ed EXO+ 3C MaxxTerra
  • Sella Moustache Performance
  • Reggisella KS-LEV Integra con comando Shimano: 100 mm tg. S, 125 mm tg. M, 150 mm tg. L, 175 mm tg. XL
  • Manubrio Moustache Just_Carbon, 780 mm, rise 12 mm, backsweep 9°, upsweep 4°
  • Attacco manubrio Moustache 50 mm
  • Manopole SB3, Race One Lock
  • Taglie: Small, Medium, Large, X-Large
  • Colore: Nero/Grigio a tinta unita, lucido
  • Peso rilevato: 23,2 kg tg. M senza pedali, tubeless
  • Prezzo: 7.599 euro

La Samedi 29 Game 10 provata è la top di gamma con ruote e manubrio in carbonio e allestimento pregiato; in gamma è disponibile anche in altri tre montaggi e colori a partire dai 4.999 euro della Game 4 che però presenta una forcella RockShox 35 Gold RL da 160 mm.

Foto dell'ammortizzatore della Moustache Samedi 29 Game 10 2021

Dopo il motore, l’ammortizzatore Magic Grip Control è il cuore della Game 10. Da notare il regola-sag sempre realizzato da Moustache.

Il test della Moustache Samedi 29 Game 10 2021

Il quartier generale di Moustache si trova vicino ad un’area boschiva molto bella che negli anni è diventata un reticolo di sentieri davvero perfetti per mettere alla prova le eMTB, con tante tipologie di terreni, percorsi veloci e larghi oppure stretti e sconnessi, sponde, salti, contropendenze, insomma tutto quello che si può desiderare per un test.

La Samedi Game 10 ha un look elegante e la cura dei particolari è alta come su ogni prodotto Moustache. La linea è snella, filante ed essenziale grazie al top tube molto sloping che lascia spazio alle gambe e dà molta possibilità di muoversi sul mezzo.

I dettagli sono importantissimi per il brand francese e per questo sviluppa in azienda tante piccole migliorie ai componenti e addirittura ai macchinari per montare le proprie biciclette. Sulle eMTB ad esempio hanno sviluppato un’interfaccia batteria-motore molto corta per abbassare il più possibile il peso della batteria e spostarlo vicino al movimento centrale.

Il sensore di velocità è integrato nel disco posteriore e nel carro ed è praticamente invisibile e ben protetto.

Foto del telaio della Moustache Samedi 29 Game 10 2021

Il passaggio cavi integrato.

In sella

Sono alto 170 cm e peso 74 kg in assetto da MTB. Ho scelto la taglia M che ho trovato perfetta per le mie misure. Dopo un setting di appoggi e sospensioni assieme ai tecnici FOX e i ragazzi di Moustache siamo partiti per saggiare la bontà della Game 10, che già dalle prime pedalate fa capire che è una eMTB molto capace in discesa: l’angolo sterzo da 65° lo conferma.

Ho avuto il piacere di girare con Emmanuel Antonot, uno dei due fondatori dell’azienda e “mente suprema” dietro alla maggior parte delle innovazioni e creazioni geniali di Moustache.

Emmanuel mi ha seguito con il setting della bici durante l’uscita in maniera a dir poco meticolosa e ho potuto davvero apprezzare le doti del mezzo anche in poco tempo: non c’è come seguire le dritte di chi ha sviluppato una ebike per capirla al volo e trovarsi immediatamente a proprio agio!

Nella giornata mi hanno accompagnato anche Clément Bonneau e Yann Simon dello staff Moustache, con Yann che mi ha dato del buon filo da torcere come si può vedere nel video. Ciò mi ha permesso di spingere ancora un po’ più in là la Game 10, cosa che se fossi stato da solo probabilmente non avrei fatto.

Foto di Claudio Riotti in sella alla Moustache Samedi 29 Game 10 2021

Salita

La Game 10 in taglia M testata è molto compatta con un top tube di 604 mm e un reach di 420 mm. L’angolo sella è di 73,6°, il carro è da 460 mm e l’interasse totale è di 1216 mm. Ma questo lo sono venuto a sapere solo dopo il test…

Come mi hanno consigliato i ragazzi di Moustache, “prima prova la bici e poi ti diremo gli angoli, le misure e potrai pesarla“. Scelta quanto mai azzeccata (che peraltro cerco di fare sempre con ogni test bike) perché in questo modo non mi sono fatto influenzare: sulla carta infatti le misure della Game non sembrano particolarmente moderne o performanti, per esempio l’angolo sella è piuttosto rilassato rispetto ai 75/76° delle altre eMTB odierne.

Sui trail invece la Game sale con efficacia su qualsiasi tipo di terreno, dallo smosso al compatto e dal liscio al tecnico a gradoni. L’ammortizzatore è molto sensibile e anche sulle rampe più ripide il grande lavoro del Magic grip Control progettato da Moustache fa rimanere la sospensione alta, generando una buona trazione sulle ruote anche in combinazione con il carro abbondante da 460 mm.

Piccola nota: negli ultimi mesi ho utilizzato spesso mountain bike elettriche con ruote differenziate dotate di ruote da 29 anteriori e di 27,5″ al posteriore con gomme plus da 27,5×2.6″ o 2.8″.

Passando a una 29 pollici “nativa” ho quindi notato una leggera differenza al posteriore: rispetto a una mullet ebike sembra di essere più bilanciati e “in mezzo alle ruote”, con un’ottima capacità di scavalcamento ostacoli ma meno di assorbimento urti e aderenza in salita.

La bici in test era tubeless ma senza inserti, per cui ho preferito mantenere qualche bar in più nella gomma posteriore per evitare di urtare il cerchio in carbonio nei tratti rocciosi.

Di conseguenza in certe sezioni il grip è stato minore rispetto a quello che una ruota da 29 potrebbe dare. Tutto ruota intorno alla scelta delle coperture, in questo caso delle ottime Maxxis Assegai ma purtroppo con carcassa leggera EXO e semi leggera EXO+, che permettono di contenere il peso ma risultano un po’ delicate per una guida aggressiva.

Per il resto in salita la Game risulta molto intuitiva e risponde fedelmente agli input del rider, senza mai risultare goffa o pesante.

La caratteristica più evidente e percepibile è l’ottimo comportamento della Game sui tratti tecnici di radici o gradoni grazie all’ammortizzatore, lo schema sospensivo molto attivo e la modalità Extended Boost del motore Bosch CX aggiornato.

Foto di Claudio Riotti in sella alla Moustache Samedi 29 game 10 2021

Discesa

In discesa la Game grida a gran voce “molla i freni!” e se settata con cura regala grandi sorrisi anche su percorsi molto tecnici, senza però risultare lenta o fuori luogo su quelli tortuosi e stretti, anzi, qui la compattezza gioca a favore del rider.

Si tratta di una ebike che dona una grande confidenza e permette di osare fin da subito, su tracciati da semplici a molto impegnativi.

La forcella FOX 38 con la cartuccia GRIP2 è quanto di meglio si possa chiedere al momento in ambito di rigidità, precisione e possibilità di regolazioni. Le sospensioni lavorano all’unisono con le ruote da 29 che lasciano il rider ben centrato sul mezzo.

Come già evidenziato in altri test, le ruote in carbonio su una eMTB fanno davvero la differenza rendendola scattante in uscita di curva e giocosa se guidata in modo attivo.

In un utilizzo aggressivo o su terreni molto rocciosi sarebbe indispensabile passare a pneumatici più robusti o utilizzare uno dei sistemi di protezione del cerchio della eMTB, così da usare pressioni basse senza rischiare pizzicature o tagli e soprattutto problemi ai cerchi.

Il resto dei componenti è tutto di qualità, con trasmissione Shimano XTR e freni XT che sono a mio avviso tra i migliori sul mercato per quanto riguarda feeling, precisione, modulabilità e facilità di utilizzo.

Il reggisella telescopico Integra KS-LEV con comando Shimano è preciso e sensibile e pur essendo solo da 125 mm in taglia M non ha dato nessun problema nelle sezioni ripide quando tutto abbassato.

Foto del motore Bosch della Foto di Claudio Riotti in sella alla Moustache Samedi 29 game 10 2021

Il Bosch CX 4Gen con aggiornamento 2020 è uno tra i motori di rifermento nel mercato.

Motore, display e autonomia

Il motore Bosch CX Gen4 con aggiornamento 2020 si conferma come una delle migliori drive unit di questa stagione. Il display Kiox, peraltro ben integrato nel cockpit, è la perfetta integrazione adatta a sfruttare al meglio tutte le potenzialità del sistema.

La leggibilità è molto alta e ad esempio tra le mille funzioni è comodissimo poter visualizzare la percentuale di batteria anziché le classiche “tacche” del Purion o del vecchio Intuvia.

Per quanto riguarda i consumi naturalmente serve un test a lungo termine perché per questa prova ho utilizzato prevalentemente le modalità EMTB e BOOST, in un giro breve ma con pendenze elevate.

Comunque, anche dai test effettuati con altre eMTB con stesso motore, batteria e specifiche, la batteria integrata da 625 Wh garantisce nella media un’autonomia sufficiente per giri di una giornata intera e con dislivelli notevoli, sempre a seconda del peso del rider, del percorso, dell’allenamento, temperatura, ecc.

L’ultima considerazione riguarda il rumore del nuovo motore Bosch CX, o meglio il “clack-clack” della corona e degli ingranaggi presenti all’interno della ruota libera nel motore. Questo ticchettio si sente specialmente sulle piccole sconnessioni e sulle radici, prevalentemente in discesa. Anche nel video si può percepire questo rumore che però varia da brand a brand e da telaio a telaio: anche se preferisco le MTB ed eMTB silenziose, tutto sommato sulla Game 10 non dà molto fastidio.

Foto del manubrio della Game 10 2021

L’ampio manubrio in carbonio da 780 mm con i comandi e il display Kiox perfettamente integrato.

Conclusioni

Come si può capire dal video, la Game 10 2021 è una eMTB che mi è davvero piaciuta per la sua capacità di essere intuitiva e giocosa e al contempo “schiacciasassi” quando le condizioni si fanno molto dissestate. È una mountain bike elettrica indicata sia per il rider tranquillo che per quello più race oriented.

In quest’ultimo caso considererei di provare una taglia in più perché a mio avviso la taglia L sarebbe perfetta per un rider della mia altezza (170 cm) che necessiti di più stabilità e compostezza alle alte velocità.

Anche se se è trattato di un test di una giornata è stato molto esaustivo grazie al meticoloso setting effettuato prima con i tecnici Moustache e FOX e poi con Manu Antonot, oltre ovviamente ai percorsi davvero creati ad hoc per le ebike della zona vicina all’azienda.

Il prezzo di 7.599 euro è allineato con la concorrenza e anzi, se si valuta il montaggio con i componenti in carbonio e tutti i dettagli “made in Moustache” risulta più basso di altri marchi.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito internet ufficiale Moustache.

Share on Pinterest

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Sono cresciuto sulle due ruote: BMX, motocross, le prime MTB negli anni 80. Dal 2007 ho gareggiato per 10 anni nel downhill e nell'enduro in tutta Italia. Dal 2013 al 2019 ho lavorato con la scuola MTB Gravity School anche a Whistler, in Canada. Sono istruttore Federale FCI e Guida Nazionale MTB. Ho visto nascere BiciLive.it nel 2013 e ora mi occupo di MTB, ebike ed eMTB. La bici è il mio pane quotidiano!