Thok E-Bikes ha presentato i modelli 2021 che anticipano le future linee del produttore piemontese.

Thok è un’azienda giovane che nasce nel 2017 dall’intuizione di un consolidato gruppo industriale di Alba, nel cuore delle Langhe, insieme a Livio Suppo allora Team Manager di Honda HRC e testimonial del nuovo brand di ebike e con Stefano Migliorini, pluri iridato di downhill e BMX.

L’idea era quella di proporre al mercato qualcosa di nuovo, una e-bike che fosse divertente e maneggevole quasi come una MTB ma stabile e prestazionale come una all mountain a pedalata assistita. Per ottenere questo risultato Stefano ha collaudato per anni su tutti i terreni dei telai progettati da studi specializzati e da professionisti del design come Drudi Performance.

Così è nata la MIG con la batteria davanti al tubo obliquo, per ottimizzare la distribuzione dei pesi in discesa e in salita.

due bici thok mig 2.0 su una montagna

La nuova Thok Mig 2.0 2021

La MIG in questi anni ha raccolto molti consensi ma in Thok non si sono fermati e hanno continuato a lavorare per ottimizzare un progetto ben riuscito, senza fretta e con le stesse logiche che li guidarono a suo tempo.

La MIG 2.0 rappresenta il punto di ingresso nella nuova gamma con un rapporto fra prezzo e dotazioni davvero aggressivo: viene proposta a 3.850 euro con una componentistica in grado di dare soddisfazioni anche ai più esperti.

una thok mig 2.0 in un campo di fiori

Stessa MIG ma con tante novità

Cosa cambia rispetto alla precedente? L’escursione resta uguale, 150 mm anteriori e 140 mm posteriori.

Lo sguardo di concentra sulle nuove grafiche più esuberanti ma dietro ai colori si celano delle differenze nelle quote del telaio che è stato ottimizzato con il top tube allungato, l’angolo di sterzo aperto di 66° e il tubo sella dritto con angolo da 74,7° che assicurano comfort di guida, elevata trazione e maggiore controllo nei passaggi più tecnici.

È la TCG “Thok Control Geometry”, la geometria di ultima generazione che inoltre prevede la ruota anteriore da 29″ abbinata alla posteriore da 27,5″.

Quella delle ruote con diametri differenziati è una scelta che Thok ha già sperimentato sulle eMTB 2020 prodotte in esclusiva per Ducati ed è una soluzione che sempre più spesso viene proposta sulle all mountain ed enduro a pedalata assistita perché fornisce stabilità e sicurezza all’anteriore soprattutto per chi ama la guida veloce e precisa, mantenendo grip e assorbimento al posteriore.

particolare del manubrio della nuova mig 2.0

MIG 2.0: motore, cambio e freni nuovi

Sulla MIG 2.0 cambia anche il cuore, con il motore Shimano E7000 che prende il posto dell’8000 garantendo un’erogazione altrettanto naturale e piacevole ed una potenza di tutto rispetto malgrado i 10 Nm in meno di coppia massima.

È più silenzioso del fratello maggiore ed è anche più fluido nell’erogazione, aspetto molto importante nei passaggi più tecnici in salita dove spesso troppa potenza è inutile.

La cadenza ottimale di pedalata si ottiene anche grazie ai rapporti del nuovo cambio SRAM SX Eagle a 12 velocità con cassetta 11-50 che aiuta a ridurre i consumi.

Cambiano i freni con gli SRAM Guide a 4 pistoncini al posto degli Shimano e la forcella RockShox che in questa versione è la più economica 35 RC.

una ebike thok mig 2.0 di profilo

TK01 LTD, la nuova via di Thok E-Bikes

La TK01 LTD è la vera novità, una enduro elettrica con 170 mm di escursione che presenta soluzioni uniche e innovative. Anche questa è stata disegnata dalla D-Perf di Aldo Drudi e nasce grazie a tutta l’esperienza di Stefano Migliorini nelle competizioni e dopo due anni di test.

Come fu già a suo tempo per la MIG “Tony Bou”, la TK01 debutta in versione Limited e verrà prodotta in soli 35 esemplari personalizzati con il nome del proprietario, verniciati ed assemblati in Italia, con la livrea “Matt Glossy Black” e un prezzo di 6.990 euro: una “concept e-MTB” che apre la strada alla futura offerta di THOK E-Bikes che la proporrà in diverse varianti.

una bicicletta TK01 in un campo di fiori

La batteria non è più quella semi integrata sotto il telaio, marchio di fabbrica della MIG: qui troviamo una 630 Wh integrata nel telaio e posizionata molto vicino al motore per abbassare il baricentro, a tutto vantaggio della maneggevolezza e stabilità.

La cover batteria e del paramotore sono in carbonio e inoltre sono presenti anche due alette in polipropilene, facilmente asportabili, che oltre ad avere funzione di parafango, agevolano il raffreddamento della batteria e danno un look stile “moto da cross”.

Il nuovo “PRECISE FRONT END” per head tube tapered 1.8″ di ultima generazione e l’inedita forcella Ohlins con steli da 38 mm ed escursione 180 mm segnano un cambio deciso nella concezione della zona sterzo delle ebike aggressive.

foto action di una ebike TK01

Sulla TK01 LTD la geometria abbina il top tube allungato con il tubo sella dritto con angolo 75,5°, un angolo sterzo di 65° e le ruote differenziate: un mix che garantisce comfort di guida e maggiore controllo nei passaggi più tecnici. La dotazione è di altissimo livello con sospensioni Ohlins, freni Shimano Saint, cambio Sram X01 e motore Shimano E8000.

Da segnalare il fatto che Thok abbia accorciato il tubo sella (415 mm in tg. M e 450 in tg. L) per regolare meglio l’altezza della sella e poter utilizzare reggisella telescopici più lunghi, un fattore che ancora non viene tenuto in considerazione da molte aziende nel campo delle ebike ma che invece permette di avere una bici più sicura in discesa con la sella completamente abbassata.

bici thok TK01Ltd nera di trequarti

Come di consueto è possibile acquistare queste ebike online sul sito web ufficiale Thok E-Bikes e riceverle direttamente a casa oppure ritirarle presso il Thok Point a voi più comodo.

Share on Pinterest

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Da ragazzino si calava giù dalle montagne in sella a una Saltafoss dopo averla portata in cima sulle spalle, poi ha avuto una lunga parentesi motociclistica anche come organizzatore di eventi on/offroad e, con la maturità, è ritornato alla passione per i pedali, in particolare con l’aiutino elettrico. Adesso è Presidente di una Associazione che organizza Tour ed Eventi in e-Bike.