Share with your friends










Inviare

L’azienda brianzola Atala ci ha invitato alla presentazione del nuovo motore elettrico per ebike AM80.

L’AM80 è un motore da 250 W, ha il comando al manubrio, un display centrale molto completo, 5 livelli di assistenza, 83 Nm di coppia motrice massima e battery pack da 300 o 400 Wh, per un’autonomia dichiarata fino a 160 km.

È stato concepito e sviluppato in Italia ed equipaggerà quattro modelli di biciclette a pedalata assistita, per ora tutte di gamma entry-level: una mtb front, una mtb biammortizzata da trail e due ebike urban.

foto del motore per ebike atala am80

Il motore per ebike Atala è made in Italy e ha una coppia massima di 83 Newton/metro. Si monta sulla stessa culla del Bosch CX.

Motore per ebike Atala AM80: cuore italiano

Atala fa ora parte del gruppo olandese Accell ma la sua storia è decisamente tricolore: nel 1907 fu infatti Luigi Ganna il primo vincitore del Giro d’Italia con indosso la maglia Atala.

Oggi il mercato è sempre più a favore delle bici a pedalata assistita (dal 2011 al 2016 le vendite delle ebike sono più che raddoppiate), soprattutto verso quelle con motore sul movimento centrale,

Atala è da diversi anni nel campo delle ebike e si è affidata a marchi come Shimano, Yamaha e Bosch, che restano comunque nella gamma delle ebike a catalogo.

Il nuovo motore AM80 tanto atteso è il frutto di una collaborazione con un’azienda italiana che da 30 anni produce motori elettrici riguardanti la motovibrazione, (come setacci e macchine industriali che funzionano 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno), quindi concepiti per lavorare ininterrottamente e molto affidabili.

foto della corona montata sul motore ebike atala am80

La corona montata sull’Atala AM80 è da 38 denti ma è possibile sostituirla senza riprogrammare il motore.

Il design, il concept e la progettazione dell’AM80 sono di Atala

Il nuovo motore presenta lo stesso ancoraggio al telaio dei motori Bosch, infatti non nasce per sostituirlo ma per affiancarsi e offrire prestazioni valide a un prezzo decisamente più contenuto.

Difatti, l’AM80 prende posizione inizialmente nella fascia economica di Atala, permettendo l’acquisto di una e-mtb front a soli 1.699 euro con la B-Cross.

Da qui, montare AM80 piuttosto che il Bosch Performance CX garantisce una diminuzione del prezzo pari al 17%.

foto della bici elettrica urban atala b easy con motore am80

La urban ebike Atala B-Easy monta lo stesso motore AM80 che troviamo sulle e-mtb B-Cross e B-XRG8.

AM80 è versatilità: su mtb e sulle urban ebike, fino al 400% di aiuto

Grazie alle sue caratteristiche, l’AM80 può adattarsi sia alle urban ebike che alle e-mtb.

I cinque livelli di assistenza permettono prestazioni diverse a seconda dell’utente, con un record europeo nella modalità 5 che fornisce il 400% di aiuto alla pedalata (comparata al 300% di Bosch, 320% dello Yamaha PW-X e 360% del nuovo motore Giant/Yamaha SyncDrive Pro).

Sulle e-mtb troviamo la batteria da 400 Wh (quella da 500 Wh è in arrivo) mentre sulle ebike urban il portapacchi posteriore alloggia il battery pack da 300 Wh.

AM80, potente ma silenzioso

L’AM80 è stato progettato per fornire una coppia motrice elevata di 83 Nm ma con un regime di rotazione più basso, tarato in modo da garantire la massima silenziosità, grazie anche al rotore di dimensioni maggiorate.

Parlando di pedalate al minuto (rpm), l’AM80 garantisce un ottimo feeling fino alle 80 rpm ma assiste fino alle 100 rpm. La potenza di picco si attesta sulle 72 pedalate al minuto.

Per meglio comprendere questi valori e cosa significhino nella guida trovate altre informazioni nei nostri tutorial “come guidare una bici elettrica” e “come risparmiare la batteria dell’ebike“.

Nel sistema AM80 non è presente il rapporto di trasmissione quindi si può, all’occorrenza, cambiare la corona da 38T originale con una di dentatura inferiore.

Eventualmente c’è posto anche per una doppia corona anteriore, per ora non prevista, e la spaziatura per un mozzo Boost da 148 mm posteriore (per ruote plus), prossimo eventuale upgrade nei modelli 2018.

Display centrale compatto, comando ergonomico e tante nuove funzioni

Il display dell’AM80 è centrale sul manubrio ed è di medie dimensioni. Il comando è piccolo ed ergonomico, vicino alla manopola sinistra.

foto del Il compatto ed ergonomico comando dell'AM80 e il suo display.

Il compatto ed ergonomico comando dell’Atala AM80 e il suo display.

La particolarità sta nelle informazioni che possiamo visualizzare sullo schermo: le solite, come velocità istantanea, stato di carica della batteria (visivo e in percentuale), livello di assistenza, ora, ecc.

In più troviamo anche la temperatura, lo stato di carica delle celle e quanti cicli di ricarica sono stati effettuati, la potenza istantanea erogata dal motore e dal ciclista e il consumo chilometrico istantaneo. 

Tutti questi dati sono un plus che poche altre aziende offrono e che possono diventare un importante strumento di allenamento e di gestione della batteria.

Sensore crepuscolare

Sul comando dell’AM80 è presente il pulsante per la camminata assistita a 6 km/h e sul display troviamo anche un sensore crepuscolare, che collegato alle luci permette di attivarle e disattivarle automaticamente, funzione davvero comoda sulle ebike urban ma anche sulle e-mtb se si effettuano percorsi con gallerie o si pedala la sera.

foto della batteria del nuovo motore pedalata assistita atala am80

La batteria dell’AM80 ha celle al Litio di classe A ed è da 400 Wh su mtb e 300 su urban ebike.

La batteria del motore Atala AM80

Il gruppo olandese Accell produce batterie dal 2003. Le celle al Litio del pacco batteria Atala sono Panasonic e Samsung di classe A, che troviamo su tutte le altre ebike di fascia alta.

L’elettronica intelligente permette di conoscere come già accennato la tensione delle celle, la tensione del pacco batteria e fornisce anche una diagnostica del power pack.

La prova del motore elettrico Atala AM80

Il test è stato breve, a bordo della front B-Cross, ed è stato effettuato sulle ripide salite sterrate delle colline brianzole dietro all’agriturismo scelto come location per la presentazione rivolta ai dealer e ai giornalisti.

Lo posso definire come “un primo assaggio“, davvero poco per giudicare in maniera obbiettiva tutte le caratteristiche del motore e del display, oltre che per valutare i consumi e le autonomie del nuovo sistema AM80.

foto del display del motore atala am80

La novità del software del motore elettrico Atala AM80 è la diagnostica della batteria, con molte informazioni come lo stato di carica di ogni singola cella, i cicli e la temperatura del power pack.

Quello che di sicuro non manca è la potenza, l’aiuto del 400% in modalità 5 si sente eccome, anche se l’erogazione in partenza non è brusca, anzi parte dolce e poi sale piuttosto repentinamente.

Sarebbe bello testare l’AM80 su una e-mtb full, che già di per sé garantisce più trazione in salita di una front, e su percorsi più selettivi per mettere davvero alla prova motore, batteria e bici.

Lo stacco del motore ai 25 km/h è praticamente inavvertibile e lo considero come un pregio.

Tutte le 5 assistenze sono ben suddivise come potenza, il display è leggibile e il comando a sinistra è molto intuitivo.

foto di gianluca bonanomi di atala su una ebike

Gianluca Bonanomi, area manager di Atala e campione di BMX e downhill, durante il breve test del motore AM80.

Come discusso con Gianluca Bonanomi, “uomo Atala” da anni, nonché tester e sviluppatore del motore AM80, è presente un leggero ritardo nell’attivarsi dell’assistenza (più o meno mezza pedalata, come su altri marchi) ma considerando la destinazione d’uso e la fascia entry level di queste prime ebike, ciò non costituisce necessariamente una pecca.

Certamente è un dettaglio su cui in futuro potranno lavorare i tecnici Atala, specialmente se l’AM80 equipaggerà delle e-mtb più prestanti e rivolte a un uso all mountain ed enduro come la divertentissima Atala Shocker da noi testata lo scorso anno.

foto della ebike Atala B Cross con il nuovo motore AM80

L’ebike Atala B-Cross 27.5″ con il nuovo motore AM80: 1.699 euro con batteria da 400 Wh.

I modelli in gamma Atala con il motore elettrico AM80

Ecco i quattro modelli che attualmente montano il motore elettrico AM80 da 80 Nm di coppia, 36 V e 250 Watt di potenza:

Atala B-XGR8 AM80 – 2.899 euro
Batteria da 400 Wh. Una full biammortizzata da 27.5″ con 120 mm di escursione anteriore e 140 posteriore, sospensioni Suntour, trasmissione e freni Shimano Deore e componentistica Kyte.

Atala B-Cross AM80 – 1.699 euro
Batteria da 400 Wh. Una front 27.5″ con forcella Suntour XCM RL da 100 mm, trasmissione e freni Shimano Altus/M315 e componentistica Byte.

Atala B-Easy S AM80 – 1.749 euro
Batteria da 300 Wh sul portapacchi posteriore. Una city ebike in alluminio con ruote da 28″, forcella Suntour NEX, freni a disco idraulici Shimano M315, parafanghi SKS e luci integrate.

Atala B-Easy AM80 – 1.599 euro
Batteria da 300 Wh sul portapacchi posteriore, forcella rigida e freni V-brake, telaio in alluminio con ruote da 28″, parafanghi SKS e luci integrate.

foto della atala b easy urban bike con motore am 80

L’ebike urban Atala B-Easy con motore AM80 e batteria da 300 Wh sul portapacchi: 1.599 euro.

A breve sul sito Atala saranno disponibili tutte le informazioni sui nuovi modelli che montano l’AM80.

A proposito dell'autore

Patito delle due ruote fin da bambino, bmx, motocross, le prime mtb. Dal 2007 sui campi di gara enduro e downhill in tutta Italia, dal 2013 è istruttore di mountain bike presso www.gravity-school.com. Con BiciLive fin dall'inizio, la bici è il suo pane quotidiano!