Share with your friends










Inviare

Sempre più novità tra Italwin e momodesign! Ecco che Italwin inserisce nella gamma ebike Momodesign tre nuovi modelli: rispettivamente un modello pieghevole e due city ebike motorizzate con kit all-in-one Zehus.

Tutti i tre modelli sono stati disegnati con il supporto del Centro Stile Momodesign.

La bicicletta a pedalata assistita modello foldable presenta caratteristiche tecniche di primo livello: batteria ad alta capacità (48V 15Ah), telaio pieghevole full-suspended, freni a disco idraulici, ruote a razze.

Si tratta della prima bicicletta elettrica pieghevole full suspended sul mercato italiano.

La bici elettrica biammortizzata e pieghevole di Italwin e Momo Design

È inoltre dotata di un batteria con capacità di ben 720Wh. La linea è particolarmente moderna e grazie al suo look accattivante strizza l’occhio anche a un pubblico giovane.

Il modello City ebike con il motore al mozzo Bike+ Zehus sfrutta il concetto di pedalata assistita di Zehus che noi ben conosciamo col suo innovativo sistema.

Ricordiamo che il Bike+ è in grado di fornire automaticamente assistenza e di recuperare energia durante la corsa, in maniera tale da non rendere mai necessaria la ricarica della batteria. Il modello City è disponibile sia nella versione donna con ruote da 26” che nella versione uomo con ruote da 28”.

Si tratta di un nuovo modo di concepire la mobilità elettrica sotto il segno dell’eleganza e della leggerezza.

L’ingresso nel mercato ebike dei grandi studi di design sottolinea l’importante crescita del settore: dopo Giugiaro con Gazelle, Philip Starck con Moustache e Pinifarina con la sua Fuoriserie è ora la volta di una partnership tutta italiana: quella tra Italwin e Momodesign, che unisce l’estro dell’azienda milanese all’expertise nel settore di quella padovana.

A proposito dell'autore

Da sempre un grande appassionato di natura e bici e accanito difensore dell’ambiente. Lavora come organizzatore di bike tour con il suo Coast2Coast in tutta l'area del Mediterraneo, inoltre da anni collabora come freelance per alcune delle più importanti riviste di mountain bike italiane.