La storia della bicicletta è fatta soprattutto di passione, di persone e piccoli avvenimenti che hanno contribuito a rendere grande un mezzo che dalla sua creazione non ha mai smesso di essere attuale nonostante la sua semplicità.

Nella storia della bici s’intrecciano le idee di molte persone che, ciascuna con il proprio punto di vista, aiutano il progresso di questo mezzo. Tra queste persone vi sono Stefano e Christian, due amici accomunati dalla passione per la bici, non solo per pedalate e gare ma per manutenzione, assemblaggio e restauro.

Essere appassionati di restauro tuttavia li ha portati rapidamente ad avere una gran quantità di bici da gestire fino a costringerli nel 2017 a ricercare un luogo in cui poter allestire un’officina. Parallelamente, la loro passione li spinge a mantenersi sempre aggiornati sulle novità del settore e, in quegli anni, inizia a crescere vertiginosamente l’interesse per le e-bike.

Un meccanico delle Ciclofficine srl di Bologna mentre opera su un telaio di bici

La scintilla che dà il via al loro progetto è la scoperta del motore Zehus, una drive unit posizionata nel mozzo posteriore che consente innumerevoli applicazioni e di conseguenza risulta essere un elemento essenziale per dar vita a una concezione di restauro molto avanzata.

Da qui, per usare un paragone ciclistico, i due amici si mettono a testa bassa e iniziano a menare: business plan, calcoli di sostenibilità, ricerca del capannone, coinvolgimento di Andrea, Carlo e Andrea nel progetto, la creazione dei primi prototipi fino a creare nel maggio 2021 Ciclofficine srl (www.ciclofficine.it).

Un operaio delle Ciclofficine srl di Bologna mentre monta una ruota con motore Zehus nel mozzo

L’opera di restauro compiuta tuttavia non è semplicemente una messa in strada, il team ha una lunga esperienza nella meccanica industriale e nella certificazione di prodotto ed è stato in grado di fondere perfettamente in questo progetto passione ed esperienza lavorativa.

Ciclofficine accompagna passo passo il cliente nel recupero della sua vecchia bici o nella creazione di una bici estremamente personalizzata: è infatti possibile effettuare stampa 3D di pezzi unici, effettuare modellazioni in CAD e avere dei calcoli strutturali FEM.

Tutto questo a garanzia di un lavoro fatto con passione e professionalità.

Un meccanico delle Ciclofficine Srl di Bologna mentre lavora un telaio bici

Il servizio che Ciclofficine offre non si limita solo a garantire un’operosità di alto livello ma vuole seguire il cliente anche dopo l’acquisto. Infatti, oltre alla classica garanzia biennale viene rilasciata anche una certificazione di conformità alla norma UNI EN 15194 (Cicli – Cicli elettrici a pedalata assistita – Biciclette EPAC) che prevede test e verifiche sul prodotto al fine di garantirne la sicurezza.

Un progetto ambizioso che intrinsecamente porta avanti anche i valori di sostenibilità e rispetto dell’ambiente in un periodo storico dove materie prime scarseggiano ed è importante limitare gli sprechi. Un’azienda che è in grado di recuperare bici più vecchie rendendole moderne e garantendone la qualità è sicuramente un ottimo esempio di come fare buona impresa.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito internet ciclofficine.it.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Appassionato di qualsiasi cosa abbia le ruote, la bici è presente nella mia vita da quando ho memoria. Ho la fortuna di viverla in quasi tutte le sue sfaccettature, sempre affamato della prossima novità. Ho trovato la soddisfazione agonistica nel triathlon, riuscendo nel 2017 a ottenere la qualificazione al campionato del mondo ironman 70.3. Sono istruttore FITRI e, mentre proseguo i miei studi in farmacia, cerco di scendere il meno possibile dai pedali provando a trasmettere la mia grande passione.