Share with your friends










Inviare

Anche quest’anno l’esposizione internazionale del ciclo e motociclo EICMA ha rappresentato un appuntamento imperdibile per gli appassionati di due ruote a motore, provenienti da tutto il mondo.

La novità del 2016 è stata un’area apposita dedicata alle biciclette a pedalata assistita e una zona “test” esterna dove poterle provare, aperta al pubblico.

Ricordiamo che l’area EICMA EBIKE è stata realizzata in collaborazione con BikeUp, il primo festival internazionale dedicato interamente alle ebike che nel 2017 arriverà alla terza edizione a Lecco, dal 12 al 14 maggio.

foto della zona test ebike all'eicma 2016

La zona dedicata alla zona test ebike dell’EICMA 2016: l’area è stata realizzata in collaborazione con BikeUp.

La grande quantità di persone che affollavano l’area test delle ebike era composta sia da gente comune sia da appassionati di mountain bike e biciclette in generale.

La bici a pedalata assistita è sempre più in voga e attira curiosi dai mondi paralleli della moto da strada e moto da cross.

Le vendite in Italia, seppur non a livello dei paesi come Germania, Olanda o Belgio, sono in crescita esponenziale (+9,8% nel 2015), così come la produzione (+90%) e le esportazioni di ebike che nel 2015 hanno fatto segnare un +166,8% (dati ANCMA).

foto dell'area test ebike di eicma 2016

L’area esterna dedicata ai test delle ebike, bastava un documento e si potevano provare decine di ebike urban, city, pieghevoli, fat ebike ed e-mtb.

La redazione di ebike.bicilive.it è andata a curiosare tra le tante aziende italiane ed estere, trovando (e provando) diverse e-mtb, bici urban elettriche e interessanti mini ebike pieghevoli.

Benelli

L’azienda di Pesaro, ora proprietà del gruppo cinese Q.J. è entrata nel mondo ebike dal 2011, unendo l’esperienza di più di 100 anni di storia acquisita con le due ruote a motore. In fiera all’Eicma era presente con alcuni interessanti modelli di mtb e strada.

Benelli Rapida

Per il mercato italiano ecco Rapida, con un motore da 250 W installato sul mozzo posteriore dotato di sensore di velocità integrato. Innovativo il sistema di alloggiamento della batteria Samsung al litio (da 36 V e 13 Ah), che quasi scompare nel telaio.

foto della ebike Benelli rapida

La Benelli rapida è una ebike urban, disponibilie al prezzo accattivante di 1.990 euro.

Ruote da 28″, cambio Shimano Deore 10 v e freni a disco idraulici Benelli.

Rapida ha un display LCD integrato nel manubrio che indica velocità, distanza percorsa, carica della batteria e offre inoltre cinque livelli di pedalata assistita. Prezzo: 1990 euro.

Elektra Mobility – Spitzing

Elektra Mobility è l’azienda piemontese distributrice in Italia delle ebike Spitzing di M1 Sport Technik, il marchio sportivo del Gruppo Fritzmeier. Il marchio è passato alla storia per essere stato il primo a produrre mountain bike con telaio in carbonio monoscocca.

Si tratta di ebike di fascia alta, con esclusivo telaio in carbonio e motore Pin 120 della tedesca Clean Mobile da 120 Nm di coppia.

La batteria M1 è da 48 V e 880 Wh (con autonomia di 150 km).

foto dello stand Elektra Mobility con in bella mostra i nuovi modelli di ebike Spitzing.

Lo stand Elektra Mobility con in bella mostra i nuovi modelli di ebike Spitzing, con la nuova hardtail Das Sterzing in primo piano.

Tre diversi allestimenti a seconda dei modelli: Pedelec con motore da 250 W, S-Pedelec con motore 500 W e R-Pedelec con un potentissimo 850 Watt.

Molti sono gli aggiornamenti sui nuovi modelli 2017, con l’introduzione anche della Das Schwabing Urban, la Das Spitzing Plus e la Das Sterzing GT e CC.

Quest’ultima arriva fino a 920 W di potenza e 1,1 kWw di capacità di batteria, impressionante.

Ricordiamo che solo la versione Pedelec, con i suoi 25 km/h di velocità massima in assistenza alla pedalata, può essere usata in Italia senza necessitare di casco e immatricolazione.

Qui un’interessante intervista a Paolo Mandelli, il distributore.

Ekletta Naked

La casa mantovana Ekletta propone ebike con design eccentrici e diversi dal solito, oltre a una linea più classica.

Questa ebike Naked con forcella a doppia piastra Zoom con steli da 37,5 mm ha attirato la mia attenzione, peccato non averla potuta provare nel’area test.

foto della Ekletta Naked, bici elettrica urban

La Ekletta Naked, bici elettrica urban con gomme da 20″ per 3″ di larghezza.

Il telaio è in alluminio, le ruote sono da 20″ per 3″ di larghezza, il motore da 250 W è nel mozzo posteriore e la batteria nel portapacchi è una Sony da 455 Wh. Il peso è di ben 26 kg senza batteria. Prezzo: 2200/2300 euro.

Fantic

Chi si ricorda il mitico motorino Fantic Caballero? Erano gli anni ’70 e le ebike come le intendiamo oggi erano solo dei sogni.

La storica casa italiana Fantic è andata avanti con la produzione di due ruote a motore, arrivando nel 2015 ad affiancarvi quella di mtb fat bike a pedalata assistita, trovandosi oggi con ben 11 modelli in gamma tra e-mtb, urban e fat bike elettriche.

Fantic XF1 Casa

Abbiamo provato la Fantic XF1 Trail 27,5+ con gomme Vittoria Bomboloni da 3“. La XF1 è dotata, come tutte le altre e-mtb Fantic di motore Brose. Prezzo: 4.190 euro con batteria da 417 Wh.

La casa tedesca Brose produce il motore da 250W per e-bike (adottato anche da Specialized per la sua Turbo Levo) con la coppia più alta sul mercato (90Nm), che viene però erogata con dolcezza e progressione come ho potuto constatare nel breve test in salita.

È strano ma sembra molto più potente il nuovo motore Shimano E8000 con i suoi “soli” 70 Nm di coppia, è ovvio che tutto sta nell’erogazione e, alla fine, nei gusti di chi guida la bici.

Stesso discorso per le ruote plus, occorre un certo periodo di tempo per valutare il giusto settaggio della pressione delle gomme abbinata alle sospensioni in ambito offroad, inoltre le Vittoria Bomboloni puntano più sulla scorrevolezza che sul grip.

foto della ebike Fantic fx1 trail

La Fantic FX1 Trail, con motore Brose e gomme Vittoria da 3″.

Oltre al motore Brose protetto da una scocca perimetrale in alluminio lavorato ideata da Fantic, sulla FX1 Trail da 120 mm troviamo una batteria BMZ da 417 Wh oppure da 630 Wh.

La forcella è una RockShox Reba Boost, l’ammortizzatore è RockShox Deluxe RL, il gruppo è Sram GX 11v e i freni sono Sram Level.

Fantic Gravel GT

La Fantic Gravel GT Gran Turismo è l’interpretazione della casa lombarda del mondo a due ruote dedicato alle strade bianche a all’asfalto.

foto della fantic gravel gt bici gravel elettrica

Ecco la versione gravel elettrica di Fantic, la Gravel GT con forcella in carbonio e asse passante.

Cerchi da 28″, forcella in carbonio, cambio Sram Apex 11v e freni Sram Apex idraulici. Il motore è sempre il Brose da 250 W e  batteria BMZ da 417 Wh oppure da 630 Wh. Prezzo: 3.490 euro.

Gocycle G2

Il bello della fiera di quest’anno è stato vedere la gente che si informava sulle ebike nei vari stand e poi, una volta scoperto che si potevano provare, si affrettava nell’area esterna per mettersi in sella e ottenere feedback immediati sulle novità elettriche del 2017.

La Gocycle G2 è una particolare ebike pieghevole che fa del design e dell’integrazione il suo punto di forza. Il passaggio dei cavi è completamente interno al telaio, il display è integrato nel manubrio.

foto delloo stand gocycle allì'eicma

Sia ai test esterni che allo stand Gocycle erano molti i curiosi, qui vediamo la dimostrazione dello sgancio rapido delle ruote del G2.

La batteria al litio è da 10,75 Ah e 22 V (236,5 Wh), e garantisce un’autonomia massima di 60 km stando alle dichiarazioni del produttore. I freni sono a disco idraulici, il cambio è automatico e il motore è dotato di sensore di sforzo per un’erogazione dolce e senza strappi.

Sono molte le possibilità di customizzare con borse e accessori questo gioiellino il cui prezzo è di circa 3.500 euro.

Italjet Ascot Adventure

In uno stand al centro della fiera pieno di curiosi (grazie anche alle modelle presenti sulle bici) Italjet esponeva le sue particolarissime creazioni, a cavallo tra vintage, eleganza, custom e dettagli in pelle.

Di sicuro delle ebike per non passare inosservati.

foto della Italjet Ascot adventure ebike

La Italjet Ascot Adventure: sembra una moto, ma è una ebike con motore 8Fun.

La Ascot Adventure presenta un telaio in alluminio spazzolato con borsa in pelle integrata “A.G. Spalding & Bros NY” prodotta su misura in Italia. I parafanghi sono in alluminio spazzolato.

La forcella in stile “springer” con doppia molla e quattro cuscinetti è un brevetto esclusivo Italjet. Il motore è un 8Fun 250 W brushless, con 5 livelli di potenza, mentre la batteria è una Sony agli ioni di litio da 36 V e 13,2 Ah.

foto della Italjet Ascot adventure ebike

Il cockpit della Italjet Ascot Adventure: il computer con custodia in pelle, il comando del cambio Nuvinci, il campanello in bronzo e un raffinato orologio sull’attacco manubrio.

Il cambio è sequenziale, il NuVinci 360, i freni a disco sono Tektro, gli pneumatici da 24″ hanno una sezione di 3″.

la sella è una Brooks Flyer Brown con supporto sella ammortizzato in alluminio. Le manopole sono in pelle e il campanello è in bronzo ricavato dal pieno.

Prezzo: 5.200 euro.

Italwin Flipper 2

Italwin produce bici elettriche dal 2003. Il marchio veneto è stato acquisito nel 2016 dal Gruppo F.I.V.E. (Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici) di Bologna.

foto della ebike  Italwin Flipper 2

La Italwin Flipper 2, una foldable da 1.279 euro.

La Flipper 2 è una ebike pieghevole con telaio in alluminio, motore nel mozzo posteriore da 250 W, batteria nel portapacchi da 36V – 8,8 /11,6 Ah. I freni sono V-brakes e il peso è di 18 kg senza batteria.

Prezzo: 1.279 euro.

KTM Macina  Kapoho LT 273

Il colosso tedesco ha quasi 60 ebike a catalogo tra trekking, fat, city, offroad ed e-mtb. La Macina Kapoho è la mtb da enduro a pedalata assistita con 160 mm di escursione su entrambe le ruote.

foto della KTM Macina Kapoho 273 LT

La KTM Macina Kapoho 273 LT, una e-mtb enduro da 160 mm.

Il telaio è in alluminio con motore Bosch Performance CX e batteria da 500 Ah. Il gruppo della Kapoho in foto è l’XT 1×11 di Shimano, i freni sono SLX, la forcella è una RockShox Yari RC e l’ammortizzatore è sempre RockShox RC3 Plus .

Prezzo: 4.699 euro.

Mandelli – Gepida

Mandelli è un’azienda lombarda che opera nel settore delle due ruote da ben 75 anni. Dallo scorso anno distribuisce Gepida, un brand ungherese che propone diverse ebike, dalle pieghevoli alle e-mtb.

Gepida Asgard Race

La Asgard Race ha ruote da 27,5″, motore Bosch Performance CX e batteria da 500 Ah. Le sospensioni sono RockShox, la componentistica è Gepida e il prezzo è di 3.699 euro.

foto della ebike La Gepida Asgard Race

La Gepida Asgard Race, una e-mtb ungherese distribuita in Italia da Mandelli S.p.a.

Gepida Metropolis

La Metropolis è un incrocio tra city bike e cargo bike, con un design piuttosto particolare. Il motore è sempre Bosch CX, la batteria da 400 Wh si trova sia nel portapacchi che davanti al tubo piantone (qui da 500 Wh), garantendo un’autonomia raddoppiata.

foto della gepida metropolis

Cargo ebike o city ebike? Entrambe, per la Gepida Metropolis.

I portapacchi sono in grado di sopportare carichi molto pesanti e tutta la struttura del carro e del telaio è iper robusta.

Il cambio è lo Shimano Alfine nel mozzo posteriore e le luci sono integrate.

Prezzo ancora da definire.

Merida

L’azienda tedesco/taiwanese è vicina al 30° anno di produzione di bici e l’esperienza si vede, in questo caso unita anche a modernità e consapevolezza nei montaggi delle sue nuove bici a pedalata assistita 2017.

Più di 70 modelli di ebike a catalogo, dal 2017 lancia la nuova linea eOne-Sixty, eOne-Twenty, eBig.Trail ed eBig.Nine.

Tutte con motore Shimano E8000, tra le ebike abbiamo scelto la full da 160 mm di escursione con ruote plus eOne-Sixty e la hardtail aggressiva sempre con ruote plus eBig.Trail.

Merida eOne-Sixty

Una e-mtb full in alluminio da 160 mm di escursione anteriore e posteriore, davvero ben fatta e montata in maniera egregia a un prezzo molto competitivo di 4.199 euro.

Il carro è da 439 mm, un ottimo valore per una e-mtb full che significa maneggevolezza garantita.

foto della Merida eOne-Sixty ebike

La Merida eOne-Sixty è una ebike full da 160 mm su entrambe le ruote plus da 2,8″, votata al divertimento in salita e discesa.

Motore Shimano E8000 con batteria da 550 Wh, forcella RockShox Yari Boost e ammortizzatore metrico RockShox Super Deluxe R. Gruppo Shimano XT/SLX con la nuova cassetta Shimano 11-46 e freni SLX. Gomme Maxxis Minion DHR 3C 27,5+ da 2,8” e reggisella telescopico Merida.

Merida eBig.Trail

La eBig.Trail fa parte della nuova corrente di front elettriche (e non) con ruote plus create apposta per divertirsi, con geometrie più rilassate e reattive (angolo sterzo 67,5° e carro 434 mm in taglia M) e montaggi che strizzano l’occhio all’enduro. Prezzo: 3.899 euro.

Nel breve test su asfalto ho potuto apprezzare il montaggio davvero azzeccato, con reggisella Merida Expert e la combo manubrio da 760 mm/attacco da 35 mm: una ebike front pensata per divertirsi.

foto della e-mtb Merida eBig.Trail

La e-mtb Merida eBig.Trail: la breve prova sul percorso dell’EICMA EBIKE ha evidenziato maneggevolezza della bici e potenza del motore Shimano.

Motore Shimano E8000 con batteria da 550 Wh, forcella Fox 34 Float da 130 mm, gruppo Shimano XT/SLX con cassetta Shimano 11-46 e freni SLX. Gomme Maxxis Rekon 3C 27,5+ da 2,8″ e componentistica Merida.

Montante

La casa di Serradifalco in Sicilia propone una e-mtb, come tutte le sue creazioni, dal sapore aristocratico ed esclusivo.

Montante Bat Bike

Si tratta di una ebike front in alluminio con motore centrale Brose dotata di gomme plus 27,5″ CST BFT da 3” e l’esclusivo gruppo SRAM EX1 a 8 rapporti specifico per e-mtb.

foto della ebike Montante Bat Bike

La Bat Bike di Montante è volutamente “total black”, per dare quel tocco di fascino in più su un prodotto esclusivo.

Il motore è stato posizionato in modo più verticale per contenerne gli ingombri. La forcella è una Rockshox Pike 150 mm Boost e i freni sono Sram Guide RE. Il prezzo è decisamente di fascia alta: 6.250 euro. Peccato per l’assenza di un reggisella telescopico di serie.

Piaggio Wi-Bike

Già presentata lo scorso anno e da noi testata in esclusiva a Milano, la Wi-Bike è la “ebike connessa”: Piaggio ha sviluppato un sistema integrato costituito da motore, batteria, centralina, una app per smartphone, un sensore GPS, un modulo GSM e la connessione Bluetooth.

foto della wi bike di piaggio

Molto elegante la versione “lady” della Wi-Bike di Piaggio, con le borse in pelle coordinate a sella e manopole.

Da quest’anno sono disponibili anche le borse in pelle come accessori.

Prezzo: 3.499 euro.

Scott E-sub Sport 20 Lady

Scott era presente con molte ebike tra cui la E-sub Sport, dedicata al mondo urban e alle donne.

Telaio in alluminio, ruote da 700c, forcella ammortizzata Suntour NEX HLO con 63 mm di escursione, motore Bosch Performance CX da 250 W e batteria da 500 Wh.

foto della ebike da donna scott e-sub 20 sport lady

La ebike Scott E-Sub Sport 20 Lady, con motore Bosch Performance CX.

La presenza di un robusto portapacchi posteriore e l’attacco manubrio regolabile in altezza la rendono perfetta per un comodo uso cittadino. Prezzo: 3.199 euro.

Wayel

Wayel è un’azienda che dal 2007 produce bici elettriche disegnate e progettate in Italia. Su ebike.bicilive.it ne abbiamo già parlato, qui all’Eicma abbiamo toccato con mano la piccola ma potente pieghevole E-Bit S.

Wayel E-Bit S

Con i suoi 15 kg la Wayel E-Bit S rappresenta una comodità notevole in tutti quei casi sia necessario spostarsi in città con anche l’ausilio di mezzi come treni o auto. La E-Bit S si ripiega in 30 secondi e si ripone dappertutto, bagagliaio, ufficio, mezzo pubblico.

Un breve test mi ha davvero lasciato a bocca aperta per la potenza del motore nel mozzo anteriore, pur sempre da 250 W e disponibile in due tipi: da 15 Nm e 24 V oppure da 19 Nm e 36 V.

foto della ebike Wayel E-Bit S

La Wayel E-Bit S, una ebike pieghevole da 13,4 kg senza batteria. Ingegnosa la luce posteriore integrata nella sella.

Le ruote sono da 16″ x 1,5″ e la trasmissione è a cinghia. Le tipologie di batterie disponibili sono ben tre: batteria SMALL PLUS 211 Wh per il motore 24 V (35/45 km di autonomia dichiarati). Per il 36 volt invece abbiamo la batteria SHORT 280 Wh (35/45 km di autonomia dichiarati) e la LONG 374 Wh (45/60 km di autonomia dichiarati).

Prezzo: 1.329/1.429 euro.

Speriamo che l’aumento delle vendite di ebike in Italia corrisponda anche ad una maggior consapevolezza per l’utente medio sul fatto che la bici a pedalata assistita possa ridurre i problemi di traffico e inquinamento in città e farci scoprire un nuovo modo di guidare in salita nei boschi, trasformando l’uscita in mtb in un divertimento continuo.

A proposito dell'autore

Patito delle due ruote fin da bambino, bmx, motocross, le prime mtb. Dal 2007 sui campi di gara enduro e downhill in tutta Italia, dal 2013 è istruttore di mountain bike presso www.gravity-school.com. Con BiciLive fin dall'inizio, la bici è il suo pane quotidiano!