Dal 19 al 21 giugno 2015 si è tenuta a Lecco la seconda edizione di BikeUp, la fiera della bici elettrica, ecco le aziende espositrici e i loro prodotti

Al BikeUp 2015 erano presenti diverse aziende produttrici di bici elettriche con interessanti novità e nuove proposte. Al suo secondo anno BikeUp: The Electric Power Festival si conferma come l’appuntamento più importante in Italia per il mondo delle ebike, e forse l’unico in Europa per tipologia di eventi.

Difatti BikeUp non ha poroposto solo esposizione di bici e prodotti del mondo ebike, ma anche una serie di eventi molto interessanti tra cui la bellissima UpHill, la gara di in salita speculare alla town hill. Scenario della UpHill sono state le strade del centro storico di Lecco dove i rider con bici elettriche da 160mm e più di escursione si sono dati battaglia tra scale, vicoli e numerose strutture in legno come salti e paraboliche per rendere più spettacolare la gara.

Oltre alla UpHill, evento top del sabato, si sono tenuti diversi incontri e seminari sulla bici elettrica dove esperti del settore e rappresentanti delle industrie hanno discusso del passato, presente e futuro della bici elettrica in Italia e nel mondo. Anche noi della redazione di ebike.bicilive.it abbiamo contribuito a questi seminari con un intervento dedicato al target e alla comunicazione legata alle bici elettriche.

La bici elettrica sta avendo uno sviluppo davvero repentino e interessante, qui al BikeUp ne abbiamo avuto una vera testimonianza. Diverse aziende si sono presentate con novità che spostano in avanti l’asticella del sistema combinato bici/elettricità.

Qui di seguito vi riportiamo gli espositori che a nostro giudizio hanno presentato i modelli più stimolanti di bici elettrica.

Atala e Whistle

Atala era naturalmente presente con la sua gamma di bici elettriche dedicate alla città, alla mountain bike e al trekking, ma era presente anche con i nuovi modelli del marchio Whistle della gamma 2016. Vi presentiamo i modelli più interessanti.

La BRush, una enduro da 160 mm di escursione con motore Bosch performance CX, la linea del costruttore tedesco per e-biker aggressivi. Una bici elettrica 27,5” da enduro esteticamente molto valida e con diversi allestimenti.

La B-Ware da 29″, una scelta quella delle ruote da 29″ non comune a tutte le aziende che preferiscono per la mtb elettrica il 27,5” ma che in casa Atala si è adottata per la mtb elettrica front. Anche questa B-Ware è dotata di Bosch Performance CX. Veramente azzeccata la B-Ware in versione urban: equipaggiata con ruote e gomme urban e forcella rigida adatta a lunghi e veloci tragitti urbani ed extraurbani.

Atala bici elettriche Whistle 2016

Altra proposta molto significativa la B-You, una city/trekking ebike in stile “Germania” sia per per l’estetica che per la dotazione top di accessori – tra cui la Sella Royal in foam e le luci inglobate nel rack posteriore – e componentistica. Quest’ultima equipaggiata con Bosch Active Line e computer Nyon.

Axevo

L’azienda di Sarnico (BG) ha presentato novità succulente, tra cui le bici elettriche 29” plus: una su tutte la fat bike elettrica dotata digomme da 3.5”e motore Brose da 250 Wh, batteria da 400Whe disponibile in vari assemblaggi.

Da segnalare anche la Xc29 Elect, front 29” disponibile sia con telaio in carbonio che alluminio, dotata di motore MPF da 250 o 350 Wh.

Brinke

Brinke è un’azienda italiana molto attenta allo sviluppo sostenibile, ha presentato a BikeUp una gamma molto ampia di bici elettriche.

BiciLive ne ha selezionato due. La Allroad, una bici elettrica tutto fare con batteria integrata al telaio, motore 8Fun, freni a disco e forcella ammortizzata. La Be Electric, una bici da città, con motore al mozzo anteriore e batteria posta sul portapacchi posteriore, in stile vintage con scelte davvero azzeccate, dai colori ai componenti, tra cui il cambio automatico Nexus, che la rendono una bici elettrica esclusiva.

Vi parleremo in modo più approfondito di queste bici in un prossimo articolo dedicato su ebike.bicilive.it.

Clymb System

Molto originali le proposte di bici elettriche di questa azienda della bassa Valtellina. Nell’articolo già pubblicato in anteprima potete vedere un’ampia panoramica dei prodotti Clymb System che hanno come principale caratteristica l’alloggiamento della batteria integrata nel telaio sul tubo orizzontale e dotate tutte di motore Sunstar.

Deus Ex Machina

Abbiamo conosciuto i ragazzi di Deus Ex Machina e ci ha fatto piacere scoprire il loro grande entusiasmo sia nella bicicletta sia nell’elettrico. Le proposte sono infatti molto fresche e originali. Tutte dotate di sistema Zehus le bici elettriche, a iniziare dalla E-Fat, una single speed con telaio rigido e vbrake, una mtb old fashion con gomme da 3,5”.

Molto bella la bici elettrica urban con un filante telaio in acciaio (opera di un giovane telaista italiano), sempre single speed e dotata di freno a disco anteriore e vbrake al posteriore. Anche di Deus Ex Machina vi parleremo in modo più approfondito in un prossimo articolo.

E-Tech

Proposte solo urban da parte di E-Tech, costruttore italiano di bici elettriche con sede in Veneto. Tra tutte la pieghevole Nexus con batteria integrata nel telaio, motore al mozzo posteriore e gomme da 2,5”.

Bici elettrica pieghevole Nexus

Flyer

L’azienda svizzera con sede a Hutwill, pioniera nel mondo delle bici elettriche, era presente con gran parte dei suoi modelli urban e mtb. Flyer offre diversi modelli di bici elettriche tra cui: bici elttriche per la città, mtb elettriche bi-ammortizzate e bici elettriche pieghevoli. Impiega sia sistemi Panasonic sia sistemi Bosch.

Una bicicletta elettrica a pedalata assistita Flyer

Fulgur

Proposte molto valide dal costruttore italiano che abbiamo già presentato. Tra i prodotti figura la mtb elettrica front dotata di motore Sunstar e componentistica di alta gamma, comprese ruote tubeless.

Le bici Fulgur sono interamente prodotte in Italia (a Saronno) con carro asimmetrico che permette di montare corone diverse al movimento centrale e un peso record.

GoCycle

Molto interessante la proposta di questa azienda, già adocchiata nelle fiere passate. Abbiamo avuto la possibilità di provarla a BikeUp e siamo rimasti davvero soddisfatti: ottimo motore, ottimo sistema software. In più, la caratteristica principale delle bici elettriche pieghevoli GoCycle è che si possono piegare e smontare completamente in poco più di 1 minuto e riporle in un comodissimo e compatto trolley, come potete vedere nella foto qui sotto.

Haibike

Il costruttore tedesco è quello più impegnato nello sviluppo di bici elettriche. Nessuna novità eclatante dall’azienda tedesca, ma tante bici elettriche da testare messe a disposizione dei visitatori. Ampliata la gamma delle ebike: dalle front estremamente performanti e leggere, alle full da 150 e 180 mm di escursione (potete leggere il test della X-Duro 150), fino alla strada, per terminare con la fat bike, tutte con motori Bosch e Yamaha.

Una mountain bike elettrica a pedalata assistita Haibike

Huno – UrbanArrow

Il marchio Urban Arrow era presente allo stand di Huno, rivenditore di Bergamo specializzato nella vendita di bici elettriche che offre una scelta molto ampia di modelli: da bici a pedalata assistita da città a partire da 1000 euro fino alle cargo elettriche.

A BikeUp 2015 ha infatti voluto presentare queste bici cargo molto interessanti. Le cargo Urban Arrow sono delle cargo modulari, cioè è possibile scegliere come configurarle. Hanno una base sulla quale si può scegliere di montare ad esempio la “vasca” porta bimbi (quella che vedete in foto) oppure un flight case in base alle proprie esigenze.

Sono disponibili in tre dimensioni, in foto vedete la più piccola, quella più grande può trasportare un pallet.

Cargo bici Urban

Una cargo bike elettrica, utilissima per il trasporto merci per la città.

iClose

Lo abbiamo presentato in versione ancora dedicata alle moto nell’intervista a Massimo Belingheri (Operation and Quality Manager), ma a BikeUp Maggi Group ha mantenuto la promessa: ha presentato il lucchetto “che ti telefona” in caso di tentato furto, nella versione dedicata alla bici.

Più piccolo, più leggero e con un archetto dedicato proprio alle ruote della bici. Questo lucchetto mantiene la stessa tecnologia del lucchetto presentato nell’intervista: iClose è infatti dotato di sensori e di una tecnologia in grado di comunicare direttamente sul cellulare, con telefonate e sms, se qualcuno sta tentando di rubarci la bici oppure localizzare la bici rubata.

Lucchetto bici iClose

Un lucchetto iClose in azione.

Klaxon

Klaxon è un’altra azienda italiana che fa uso del motore Zehus. Oltre alla city bike e alla fat bike elettrica che abbiamo testato, la nuova proposta è una 20” gommata plus (3,5”) e trasmissione a cinghia.

Una bicicletta elettrica Klaxon

Klever

Klever, abbreviazione di Kymco Light Electric Vehicles, è un brand satellite creato dal produttore di scooter per entrare nel mercato delle bici elettriche. La mission della Klever recita: “We don’t race for glory, we race for performance, reliability and technology“.
Una dichiarazione di intenti molto rassicurante!

Le bici elettriche esposte allo stand Klever erano estremamente interessanti sia per le proposte nel software, sia quelle nell’hardware: sistemi antifurto molto sicuri, particolari accorgimenti come il tasto “turbo” che imprime una immediata accelerazione nell’assistenza, un disegno della batteria estremamente casual – sembra una borsetta – e un motore massiccio che garantisce assistenza e durata.

Il modello che abbiamo selezionato è la B45 Premium, una full di grande qualità, top di gamma, equipaggiata con componentistica di alta qualità e motore da 480 Wh, quindi da targare. Grande curiosità per la novità Klever in test al BikeUp: una piccola urban full ancora in via di sviluppo che prossimamente sarà pieghevole.

M1 Sport

Anche di questa azienda potete leggere l’approfondito articolo pubblicato in anteprima su queste pagine. Tra i prodotti più interessanti la possente mtb elettrica da enduro con motore da 800 Wh e escursione da 180 mm.

mtb_elettriche_m1_0

Quipplan

Il marchio spagnolo Quipplan propone bici elettriche pieghevoli di cui vi proponiamo un approfondimento. Riteniamo siano davvero molto interessanti e, anche se non le abbiamo ancora testate, ci sono sembrate ben fatte e con dettagli molto curati.

Una bici elettrica a pedalata assistita pieghevole Quipplan

Scott

Come sempre Scott è stata presente con tutta la sua gamma di bici elettriche. La filosofia di Scott è quella di partecipare con il suo stand di ebike a tutte le iniziative che riguardano la bici elettrica e non, con la (giusta) convinzione che chi prova la bici elettrica ne rimane affascinato.

Modelli urban, trekking e mtb tutti dotati di motore Bosch. Qui potete leggere il test della eMTB eSpark, modello di punta delle di casa Scott.
eBike Scott in mostra

Vrumbike

Questa azienda italiana con base a Milano propone due piccole 20” con telaio in acciaio e decisamente molto apprezzabili esteticamente. Si tratta di telai artigianali di cui abbiamo già parlato nell’intervista a i suoi fondatori.

Wings

Wings Bike era presente con bici elettriche mtb e urban. Tra le bici esposte, interessante la pieghevole con batteria integrata nel telaio e motore al mozzo posteriore.

mountain bike elettriche a pedalata assistita Wings

Share on Pinterest

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Da sempre un grande appassionato di natura e bici e accanito difensore dell’ambiente. Lavora come organizzatore di bike tour con il suo Coast2Coast in tutta l'area del Mediterraneo, inoltre da anni collabora come freelance per alcune delle più importanti riviste di mountain bike italiane.