Share with your friends










Inviare

Nelle settimane scorse Focus ha presentato al mondo il prototipo di una mountain bike elettrica a pedalata assistita che si propone come una soluzione rivoluzionaria per il mondo delle e-bike.

Project Y, questo il nome della e-MTB, si porta in sella un claim non da poco. Think Different (pensa in modo diverso), questa è la frase che domina la pagina web su cui per la prima volta è stata mostrata ai tanti appassionati.

E in cosa sarebbe differente questa mtb elettrica rispetto alle tante concorrenti?
La risposta è soprattutto in un aspetto, quello del peso.

La mtb elettrica Focus Project Y alla pesa

Il prototipo Project Y pesa infatti meno di 13 chili (ne fa 12,96 per l’esattezza), otto in meno di una generica e-MTB qualunque (per fare un esempio, la Focus Thron SL 130 2016 e la Focus Jarifa i29 SL pesano rispettivamente 22 e 21 Kg).

Oggi il mercato delle eMTB è caratterizzato da una gara di potenza e resistenza tra i differenti produttori di motori e batterie (senza contare la competizione per i gruppi di trasmissione, vedi il recente lancio dello SRAM EX1): si tratta di una bagarre che porta le due ruote coinvolte ad andare in una direzione contraria rispetto a quello delle normali bici muscolari, quella del pesare sempre di più.

Focus vuole essere diversa e andare nell’altra direzione. Meno potenza e meno autonomia ma tanta leggerezza in più per una mountain bike a pedalata assistita che sia più vicina allo spirito originario del mezzo. Del resto quello che si chiede da anni a una mtb di valore, anche a pedalata assistita, è sempre quello: maneggevolezza senza compromessi, distribuzione dei pesi ben bilanciata e agilità.

La mountain bike elettrica a pedalata assistita Focus Project Y

Focus Project Y, una eMTB che proverà a imporre un nuovo standard tra le ebike privilegiando la leggerezza alla potenza.

E per raggiungere il loro obiettivo in casa Focus hanno pensato di utilizzare il blocco motore-batteria di Fazua Evation: piccolo, leggero, facilmente rimuovibile e ben integrato nel telaio della bicicletta.

Il motore Fazua (con una potenza di 250 Watt, 400 di picco) è limitato nella sua coppia (“soli” 50 Nm, con picchi da 55-60) e la batteria in dotazione da 250 Wh nella sua autonomia (mediamente di circa 50 chilometri), ma il peso e i volumi contenuti hanno consentito a Focus di creare una bici all mountain dalle linee pulite, sobrie e snelle.

Un disegno con le informazioni sul drive system Evation di Fazua

Fazua Evation è il drive system più compatto e leggero in circolazione: l’ingranaggio principale pesa solo 1,4 kg.

Il telaio della Project Y è una versione modificata di quello hardtail al carbonio della Raven 29 (soli 885 grammi) e anche i comandi di controllo del sistema sul manubrio, per la scelta dell’assistenza e il controllo della carica batterie, sono poco ingombranti ed essenziali.

E se le batterie restano a secco nel mezzo di un’uscita in montagna? Non c’è problema, la Project Y può essere usata anche rimuovendo motore e blocco batteria, proprio come se fosse una normale mountain bike muscolare da 10-11 chili.

La bicicletta elettrica Focus Project Y

Chi è desideroso di vedere ulteriori immagini di questa peso piuma elettrica ancora in fase embrionale può visitare il portale tedesco bike-magazin.de che l’ha studiata a fondo in questo articolo ricco di foto.

A noi di ebike.bicilive.it resta solo da attendere che il prototipo Project Y venga ulteriormente sviluppato e usato come base per dare vita a nuovi modelli di e-mtb superleggere che speriamo troveranno spazio nel prossimo catalogo e listino prezzi Focus 2017.

E chissà che qualcosa già non la si possa gustare all’imminente fiera del ciclo Eurobike 2016.

A proposito dell'autore

Ciclista urbano per passione e necessità, Alessio lavora da sempre su computer e internet come amministratore di sistemi Windows e consulente di web marketing. Si è unito al team di bicilive.it per poter scrivere di alcuni dei suoi argomenti preferiti - le biciclette e il verde - e conoscere tanti esperti ciclisti coi quali condividere consigli e buone abitudini, magari pedalando insieme.