Share with your friends










Inviare

La Revonte One è la nuovissima e-bike a cambio automatico, creata per fare un passo in avanti nel futuro.

L’azienda finlandese Revonte è nata nel 2018 ponendosi come obbiettivo quello di portare le e-bike ad un livello superiore. Ciò significa che anziché progettare una bicicletta, il team ha deciso di creare una soluzione per i produttori di e-bike che possa consentire loro di realizzare le biciclette elettriche del futuro.

Dopo un tour in tutta Europa alla ricerca di punti deboli delle e-bike presenti sul mercato, i membri di Revonte hanno capito che il sistema di trasmissione era spesso fonte di problemi sia per i produttori che per i ciclisti. Per tale motivo hanno iniziato a lavorare concentrandosi sul drive system Revonte One.

Sul loro sito si legge quanto questo innovativo progetto non sia solo un sistema di trasmissione potente, automatico e flessibile, ma una vera e propria soluzione olistica per costruire e-bike con livelli di personalizzazione e servizio davvero unici.

Dopo diversi studi e diverse ricerche, è nata così la Revonte One, una e-bike automatica, quindi senza cambio, che mira a stupire tutti il pubblico elettro assistito grazie alla sua flessibilità.

Una ciclista che pedala sulla neve con bici Revonte One 2020

Revonte One: dal Drive System alla e-bike

La start up finlandese Revonte è partita cercando di focalizzare tutti i propri sforzi con l’intento di sviluppare un sistema di trasmissione meno statico e molto flessibile. Grazie all’aiuto di finanziamenti esterni (si parla di circa 2 milioni di dollari provenienti da investitori privati) il team è cresciuto rapidamente e a fine estate 2019 il drive system Revonte One era pronto per essere svelato al pubblico ed essere lanciato sul mercato.

Basato su una trasmissione automatica diretta denominata “stepless”, cioè senza cambio, l’unità si presentava abbinata ad una batteria ad alta capacità e ad una pratica app per controllare tutto in remoto (connessa con il computer di bordo che integra Bluetooth e chip GPS).

Si tratta di un sistema di azionamento in continua evoluzione che ha la missione di consentire a chi pedala di godersi il viaggio senza pensare al rapporto da utilizzare. Connessa 24/7, la Revonte One consente la personalizzazione al 100%, anche in virtù dei continui aggiornamenti. I tecnici hanno pensato anche alle funzioni “trova la mia bicicletta” oppure “avvisami se la bici si muove”, ma anche a quella “blocca le ruote”, molto utile per proteggersi da eventuali furti.

Dopo aver sviluppato il drive system ed averlo testato, il brand scandinavo ha deciso di realizzare una bicicletta dotata di quest’ultimo. È nata così la omonima Revonte One, la prima e-bike con cambio automatico.

La trasmissione automatica montata sulla Revonte One 2020

Il motore di questa bicicletta elettrica è da 250W ed è in grado di produrre una coppia di 90 Nm. Raggiungendo picchi di potenza di 1500 Watt, è abbinato a un’ulteriore unità la quale controlla la velocità in uscita.

In particolare il propulsore è dotato di una serie di ingranaggi e lavora in modo analogo al sistema Hybrid di Toyota Prius: il motore elettrico inserisce la coppia e un altro motore controlla la velocità in uscita. In questo modo la classica catena che collega la pedivella alla ruota posteriore scorre fluida ed evita rumori, ma anche il fastidioso salto di catena.

È un’esperienza simile a quella di una bici fixed, ma in realtà il cambio c’è, è solo automatico. Il ciclista deve quindi pensare a pedalare, mentre il cambio fa il resto.

Ovviamente, oltre alla modalità automatica in cui il software di gestione si occupa di tutto, esiste anche la possibilità di “inserire la marcia manuale” e quindi di scegliere il rapporto tra un numero di marce virtuali (il controller con luci a LED è posizionato sul manubrio).

Abbinata all’unità motrice, la quale vanta un peso dichiarato di 4.7 kg, c’è una batteria da 635 Wh, del peso di 3.98 kg. Come si può notare la capacità è molto elevata, quindi permette di pedalare per lunghe distanze senza preoccuparsi troppo dello stato di carica.

Il motore Drive Unit da 250W montato sulla Revonte One 2020

Non solo drive unit però. La Revonte One è infatti una mountain bike, disponibile a partire dal 2020 (con auspicabile aumento di produzione nel 2021), che si presenta con un design pulito ed essenziale.

Motore e batteria, sviluppati minuziosamente sia per offrire un vasto piacere di guida sia per essere piacevoli alla vista, si integrano perfettamente nel disegno e nelle geometrie del telaio. A colpo d’occhio si nota un sistema di ammortizzazione composto dalla sola forcella anteriore e dei freni a disco anteriori e posteriori.

Sfortunatamente non sono ancora resi noti le principali caratteristiche tecniche e il montaggio della Revonte One, soprattutto perché il brand punta tutto sul lato drive system, la vera rivoluzione tecnologica del marchio.

Revonte, come già accennato precedentemente, infatti ha una “mission” che va al di là della semplice produzione di singole biciclette elettriche: l’azienda essere prima di tutto un punto di riferimento per la fornitura di sistemi di trasmissione per e-bike.

Gli accordi con partner importanti come l’azienda finlandese Tunturi o quella britannica Lavelle Bikes porteranno alla costruzione di nuove e-bike dotate di drive system Revonte One. Inoltre la stessa start up finlandese Revonte ha l’obbiettivo di “mettere in strada” alcune bici già da quest’anno e di aumentare il proprio giro d’affari nel 2021.

Una bici Revonte One 2020

Chi fosse interessato al tanto innovativo quanto futuristico sistema di trazione Revonte One e alla omonima bicicletta, può approfondire l’argomento sul sito ufficiale di Revonte.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Un ingegnere comasco con il cuore diviso tra mountain bike, che pratica per diletto nel tempo libero, e la corsa su strada, che ama seguire in TV e dal vivo. La passione per la prima nasce per amore della natura, la seconda grazie ad un nonno tifoso sfegatato del Pirata.