Yamaha ha presentato il nuovo motore per bici elettriche Serie PW CE, il più leggero della gamma offerta dal brand. Unitamente a esso, Yamaha ha rilasciato anche una batteria molto pratica per le e-bike, la External Crossover 500 che è appunto una fonte di alimentazione ideale per la nuova unità motore PW CE.

L’azienda giapponese è da sempre all’avanguardia nella progettazione di tecnologie innovative, con l’obbiettivo di rendere le biciclette a pedalata assistita dei mezzi dalle elevate prestazioni.

Il suo impegno è quello di fornire ai marchi che si affidano ai drive system Yamaha dei prodotti di qualità. Per tale motivo e per ampliare la propria offerta, Yamaha ha lanciato una gamma 2021 composta dal motore elettrico centrale Serie PW CE e dalla nuova batteria.

In questo articolo scopriremo tutti i dettagli del nuovo propulsore, ancora più leggero e silenzioso dei suo predecessori.

Due ragazzi pedalano in sella alla propria e-Bike in un parco

Motore Yamaha Serie PW CE: leggero, compatto e silenzioso

Fin dal 1993, anno di invenzione della prima bicicletta a pedalata assistita di Yamaha, l’azienda nipponica ha introdotto sul mercato motori ad alta efficienza. Con lo scopo di favorire la mobilità green, Yamaha ha infatti dimostrato il proprio impegno per promuovere l’e-Bike come una valida alternativa al trasporto pubblico.

Per tale motivo, dopo un periodo di studio e ricerca approfonditi, Yamaha introduce sul mercato il nuovo motore Serie PW CE puntando ad alimentare una nuova generazione di biciclette elettriche da città.

Grazie alla vasta conoscenza delle tecnologie del mondo elettrico, i tecnici del marchio hanno creato il motore Yamaha più leggero, compatto e silenzioso di sempre.

Il nuovo Yamaha PW CE pesa infatti soltanto 2,9 kg nella versione con freno a contropedale: valore più basso mai raggiunto dalle drive unit del brand.

La sua potenza nominale è di 250 W mentre la coppia è di 50 Nm.

Il confronto con la nuova drive unit di Shimano EP8 da 2,6 kg è chiaramente ancora lontano ma stiamo parlando di un motore anche più economico e destinato a ebike dove 300 grammi di differenza di peso non fanno la differenza.

Il motore Yamaha Serie PW CE montato su una e-Bike

Il motore Serie PW CE vanta delle dimensioni ridotte e un design compatto, consentendo così ai costruttori di e-Bike che si affidano a sistemi di trasmissione elettrici Yamaha dei telai con un profilo più snello, essenziale e pulito.

Ma oltre al peso e alla compattezza, gli ingegneri di Yamaha hanno lavorato sodo anche per ridurre il rumore. La PW CE Series è infatti stata sviluppata per essere la più silenziosa dell’azienda.

Le soluzioni tecnologiche adottate hanno permesso di ridurre le emissioni acustiche ad un leggero sussurro, consentendo di raggiungere un doppio vantaggio: da un lato l’utente può godere dei suoni della natura quando decide di uscire dalla città per immergersi in essa, dall’altro ne beneficia l’intera comunità,l perché un ciclista che si muove in ambito urbano senza far troppo rumore permette infatti di migliorare la qualità della vita di chi gli sta attorno.

Anche il design è stato modellato per offrire al pubblico un prodotto più elegante e di aspetto moderno. La compattezza, unitamente al look piacevole, rendono quindi il motore Serie PW CE perfetto per essere montato sulle e-Bike più recenti ed evolute.

Dettaglio del nuovo motore Yamaha Serie PW CE

Il nuovo motore Yamaha Serie PW CE ha una potenza nominale di 250 W e una coppia di 50 Nm.

Yamaha Serie PW CE: modalità di assistenza automatica e Walk Assist

Quando si affrontano i circuiti cittadini oppure ci si lancia su terreni sterrati per una gita fuori porta le condizioni del percorso cambiano in continuazione. Le salite si alternano alle discese, i semafori e gli incroci causano rallentamenti, frenate, arresti e ripartenze.

Per tale motivo la nuova unità motore Yamaha PW CE Series è dotata di un software sviluppato da Yamaha che migliora l’esperienza di guida. Il sistema intelligente attiva l’innovativa modalità di assistenza automatica permettendo di rispondere istantaneamente e in modo efficace alle differenti condizioni affrontate durante la marcia

La modalità di assistenza automatica sceglie quindi autonomamente il supporto più appropriato per fornire piacere di guida a chi pedala, garantendo la giusta potenza e una perfetta fluidità in ogni situazione.

Inoltre il motore Yamaha PW CE è stato creato per regalare un’esperienza di guida più piacevole sia quando si è in sella alla propria e-Bike sia quando la si deve portare a mano: la funzione Walk Assist facilita infatti la spinta e la maneggevolezza del mezzo ed è molto utile in fase di manovra, di parcheggio in salita e di trasporto dei carichi pesanti.

Il ciclista può così godere di un livello di supporto bilanciato e perfetto per tutte le situazioni che si affrontano in ambito urbano e non.

Una mamma spinge la sua e-Bike con rimorchio dove c’è un bimbo

La nuova drive unit Serie PW CE è stata presentata da Yamaha come un prodotto ideale per i nuovi modelli di e-Bike destinati al mondo urbano. Grazie alle sue specifiche tecniche la vedremo presto su diverse biciclette elettriche dei brand che si affidano al marchio nipponico per quanto riguarda la trasmissione elettrica.

Yamaha ha inoltre rilasciato anche una nuova batteria da affiancare al motore presentato in questo articolo: la External Crossover 500. Si tratta di una batteria compatta, leggera e molto pratica. L’abbinamento con il motore PW CE è consigliato da Yamaha per le urban e-Bike.

Per maggiori informazioni riguardo il nuovo motore Serie PW CE e su tutti i prodotti offerti da Yamaha dedicati al mondo delle biciclette elettriche vi consigliamo di visitare il sito ufficiale Yamaha.

Share on Pinterest

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Un ingegnere comasco con il cuore diviso tra mountain bike, che pratica per diletto nel tempo libero, e la corsa su strada, che ama seguire in TV e dal vivo. La passione per la prima nasce per amore della natura, la seconda grazie ad un nonno tifoso sfegatato del Pirata.