Share with your friends










Inviare

Con il mercato delle bici a pedalata assistita in forte crescita, non possono mancare continue nuove proposte di piccole e medie realtà per quanto riguarda i kit di trasformazione delle normali biciclette in eBike. Le possibilità di scelta di fatto si moltiplicano sempre di più e sarà interessante vedere quale dei tanti sistemi creati in questi ultimi mesi riuscirà a imporsi e diventare un punto di riferimento per gli appassionati delle due ruote “a scossa”.

Tra le novità interessanti arriva dalla Svizzera il kit a motore centrale Bimoz, che promette prestazioni raffinate in meno di 2 kg di peso. La campagna di crowdfunding su Indiegogo.com per la messa in produzione di questo prodotto è stata finanziata con successo il 16 maggio del 2016, con la ragguardevole cifra di 441.000 dollari.

Siccome il progetto è divenuto realtà, scopriamo insieme questo innovativo kit che punta alla leggerezza e all’efficienza estrema.

Il kit Bimoz montato su una bici cruiser

Il kit di conversione Bimoz montato su una bici cruiser.

Come è fatto il kit di trasformazione eBike Bimoz?

Il kit Bimoz si compone di 3 parti: il motore incorporato con la pedivella sinistra, batteria con supporto avente centralina integrata e comando al manubrio.

Il motore è un brushless da 250 watt privo di riduzioni meccaniche (senza ingranaggi) che esprime una coppia di 50 Nm, in soli 1,37 kg di peso. La forza viene trasmessa attraverso il movimento centrale sulle corone della pedivella destra e infine sulla trasmissione.

Riceviamo assistenza fino alla velocità massima consentita per legge di 25 km/h.

Il kit Bimoz montato centralmente su una bicicletta

La batteria ai polimeri di Litio da 36 volt si inserisce sul suo supporto con centralina integrata. La versione standard pesa solo 0,6 kg e ha una capacità di 80 Wh.

L’energia contenuta è minima se la paragoniamo con le altre eBike commerciali ma l’autonomia dichiarata nelle condizioni standard di assenza di vento, pendenza e peso 70 kg di ciclista varia da un minimo di 40 ad un massimo di 60 km. Oppure può funzionare per un’ora e mezza al 50% dell’assistenza.

Esiste anche la possibilità di avere una batteria più grande (XL) che contiene 220 Wh e distanza percorribile di 130-150 km o spingere la bicicletta elettrica per 3 ore al 50% dell’assistenza.

Il caricatore viene fornito nel kit pesa solo 350 grammi ed è in grado di ricaricare la batteria in circa 3 ore.

La centralina è in grado di misurare la pressione che esercitiamo sui pedali e la velocità corrente. I sensori sembrano essere integrati nel sistema motore-pedivella.

I componenti elettrici del kit Bimoz

Come montare e usare il kit di trasformazione Bimoz

Per montare il Bimoz bisogna sostituire la pedivella e la calotta sinistra del movimento centrale con una speciale fornita nel kit e il motore stesso. Poi si fissa la nuova pedivella Bimoz dal design futuristico.

Infine si posiziona la batteria all’interno del telaio, sul piantone (il tubo che alloggia il reggisella) e il comando sul manubrio.

Colleghiamo i fili, carichiamo la batteria e siamo pronti all’azione.

Per regolare l’assistenza possiamo utilizzare il comando al manubrio a variazione continua (infiniti livelli di assistenza) fornito nel kit o utilizzare il nostro smartphone, collegandolo alla centralina via bluetooth. Entrambi i sistemi sono stati pensati per fornire al ciclista il massimo coinvolgimento.

In particolare l’applicazione che hanno sviluppato sembra integrare le ultime tecnologie in fatto di sinergia del ciclista con l’assistenza elettrica. Oltre a poter regolare l’assistenza e usare il navigatore, possiamo registrare il percorso e ottenere dati utili sul nostra condizione fisica, proprio come un fitness trainer.

Collegando il nostro cardio con lo smartphone e impostando la nostra frequenza cardiaca ideale il motore è in grado di mantenerla costante variando l’assistenza in tempo reale. Questa sua abilità lo rende ideale per le persone con problemi cardiaci o chi vuole allenarsi.

Il controllo sul manubrio e la app per gestire il kit Bimoz

Il controllo sul manubrio e la app per la gestione completa del motore centrale Bimoz.

Considerazioni a caldo sul kit Bimoz

Non abbiamo ancora avuto modo di poter testare questo prodotto, ma di seguito trovate alcune considerazioni che ci è venuto facile fare sui suoi teorici e potenziali punti di forza e di debolezza.

Quali sono i vantaggi del kit Bimoz?

  • Estrema legerezza infatti tutto il kit pesa meno di 2 kg
  • Estrema durabilità, il motore ha una longevità potenziale pari ad un motore brushless al mozzo
  • Estrema efficienza e silenziosità, l’assenza di attriti interni dovuti a riduzioni meccaniche e l’ottima gestione dell’assistenza da parte della centralina permettono di ottenere autonomie mai viste con così poca energia immagazzinata nella batteria
  • Manutenzione quasi inesistente, basta pulire e lubrificare dall’esterno.
  • Elevatissima sinergia fra forza muscolare ed assistenza elettrica. L’azienda garantisce che il motore parte e si ferma con il movimento delle nostre gambe senza alcun ritardo.
  • Ottima connettività e funzioni avanzate nella gestione dell’assistenza, grazie all’applicazione dedicata possiamo controllare l’assistenza in automatico con la frequenza cardiaca.
  • L’azienda garantisce che il motore è resistente all’acqua e ad ogni tipo di terreno.
  • Compatto e gradevole alla vista, dal design futuristico.

Quali sono gli svantaggi del kit Bimoz?

  • Il montaggio richiede attrezzi specifici di cui non tutti dispongono.
  • Incompatibile con altri tipi di batterie.
  • Non è possibile rimuoverlo facilmente per ottenere di nuovo la bicicletta tradizionale di partenza.
  • Il prezzo finale di vendita supera i 1500 euro.

In definitiva il kit Bimoz convince per le innovazioni che introduce. La mancanza di riduzioni meccaniche del motore lo rende più compatto, longevo, silenzioso e parsimonioso nei consumi. La variazione continua di assistenza e l’integrazione con il cardiofrequenzimetro lo rende adatto a tutti, anche all’agonista più esigente.

La confezione di vendita del kit Bimoz

Bimoz: disponibilità e prezzi

Il kit attualmente è prenotabile online su indiegogo.com a questa pagina.

Il prezzo di lancio del kit con batteria standard è di 899 dollari invece di 1.669, mentre quello con batteria XL è di 999 invece di 1.849 dollari. La garanzia è di due anni sul kit come da regolamentazione europea.

Per ulteriori informazioni potete fare riferimento al sito del produttore.

A proposito dell'autore

Autodidatta con la passione per le biciclette e veicoli elettrici in generale. Ha avuto il privilegio di lavorare per un lungo periodo presso Bike World Extreme di Natalini Vanes a Castel Maggiore. Autore del manualetto "Due Ruote e un Elettrone" pubblicato dalla casa editrice "La Linea" di Bologna.