Share with your friends










Inviare

Dopo una campagna su indiegogo di successo, una società austriaca metterà presto sul mercato Add-e, un piccolo kit “quasi” all-in-one che trasforma la bici muscolare in bici elettrica, facile da montare e anche molto facile da… nascondere!
Andiamo a scoprire dettagli e segreti di questo ulteriore contributo al mondo delle due ruote elettriche.

Anche se i ciclisti che scelgono l’e-bike sono in continua crescita di anno in anno, il settore della bicicletta a pedalata assistita è ancora in una fase in cui i prezzi dei vari modelli rimangono piuttosto alti. In attesa del calo fisiologico del mercato che in futuro ci assicurerà ottime biciclette elettriche a costi contenuti, molte persone vedono nei kit di trasformazione e/o conversione un buon compromesso fra esigenze e costi.

Una foto con tutti i componenti del kit di conversione add-e

Tutti i pezzi che compongono Add-e, il minuscolo kit di conversione delle normali biciclette in ebike.

E fra i vari in vendita, il kit Add-e punta tutto su semplicità di installazione, leggerezza e scarso ingombro: questo motore, pur non possedendo alcune delle funzioni più evolute di vari altri concorrenti, trasformerà la vostra due ruote in una vera e propria e-bike che, a molti osservatori, continuerà a sembrare una normale bici “muscolare”.

Il kit ebike completo, quindi compresi cavi, batteria e ogni parte, pesa poco più di un chilo e mezzo, con il motore vero e proprio che non raggiunge il chilo e ha dimensioni estremamente ridotte: 7 x 7 x 8 cm.

Il gruppo di azionamento viene posizionato in pochi secondi vicino alla ruota posteriore, sotto il movimento centrale, e consiste in cavi, sensori esterni per rilevare velocità e cadenza, braccio oscillante e rullo, per una velocità massima che nel modello con motore da 250 W è pari a 25 chilometri all’ora mentre in quello con motore da 600 W permette di arrivare anche a 50 Km/h.

Prestazioni tutto sommato nella media, ma dove Add-e brilla realmente è nel posizionamento della batteria da 6 Ah, che è camuffata come borraccia: i contatti elettrici sono ubicati sul fondo del portaborraccia, mentre il tappo della stessa è in realtà un regolatore di potenza.
Il tutto per una autonomia dichiarata di circa 50 chilometri e un tempo di ricarica che non dovrebbe superare l’ora.

Una foto dell'installazione del kit Add-e su una normale bicicletta

L’installazione del kit Add-e è semplice e veloce. La sua presenza discreta.

Grazie al “travestimento” della batteria e alla compattezza del motore non sarà facile distinguere la vostra e-bike da una normale bicicletta, senza contare il fatto che basteranno pochi minuti per rimuovere il kit ebike e installarlo su un’altra due ruote a pedali muscolare.

Add-e ha raccolto il 251% di quel che si proponeva di fare in sede di finanziamento collettivo online, e i primi kit trasformazione dovrebbero entrare in commercio a settembre 2015. Occorre però segnalare qualche ombra e dubbio per quanto riguarda la gestione dei modelli, visto che il kit ebike più economico, ovvero il modello da 250 W, era precedentemente in vendita a 750 euro, mentre ora già si aggira intorno agli 890 euro. Un prezzo non certo bassissimo.

Per maggiori informazioni ed eventuali ordini, visitate la pagina indiegogo di Add-e.

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.