Share with your friends










Inviare

Lo abbiamo letto di recente sull’articolo pubblicato su ebike.bicilive.it, le vendite delle bici sono in flessione in tutta Europa, solo le ebike permettono alle aziende di tenere i grafici sul quadrante positivo.

Ed è proprio l’Italia ad avere i più alti tassi di crescita sulla vendita delle ebike. Il mercato italiano delle bici elettriche ha subito un vero e proprio terremoto nei mesi scorsi, quando l’azienda FIVE, proprietaria già dei marchi Wayel e Hinergy Bikes, ha acquisisto la Italwin.

La Italwin è una storica casa italiana costruttrice di bici elettriche che opera nel mercato della mobilità elettrica leggera sin dal 2003. Con questo accordo ha ceduto i diritti del proprio marchio alla FIVE.

La realtà industriale italiana delle ebike cambia quindi fisionomia, sembra consolidarsi e assumere più gli aspetti di una settore industriale maturo. Questo a tutto vantaggio dei consumatori che avranno un’offerta decisamente variegata e prezzi più concorrenziali.

La Wayel è già presente sul mercato italiano con il proprio franchising diffuso su tutto il territorio italiano, è stata la prima azienda italiana a creare una rete propria di negozi monomarca e per questo Wayel è una delle bici elettriche più diffuse in Italia.

concept dei negozi di ebike Wayel

Wayel ha un proprio franchising diffuso in tutto il territorio italiano con negozi funzionali e all’avanguardia dove è possibile acquistare le ebike del marchio.

Qui di seguito vi presentiamo l’intervista al Dr. Fabio Giatti, amministratore delegato della FIVE, una start up di cui ora vi parleremo.

Fabio Giatti è un giovanissimo imprenditore di Bologna e la FIVE ha la sua sede proprio nell’area industriale della città emiliana; la conversazione con lui è stata decisamente piacevole.

BiciLive.it: buongiorno Fabio, ci spieghi cos’è FIVE?

Fabio Giatti: FIVE è una start up innovativa (gruppo Termal, N.d.a.) acronimo di Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici. Abbiamo terminato il nuovo avveniristico stabilimento produttivo di Bologna, il primo in Europa, autosufficiente per comfort abitativo e dalla produzione caratteristica, cioè con il solo apporto di energie rinnovabili.

Ora ci avviamo sulla strada del consolidamento delle attività commerciali. FIVE è il primo polo industriale italiano di bici elettriche, lo abbiamo costituito con l’intenzione di essere il riferimento industriale italiano del settore, con una capacità produttiva di 35.000 unità/anno.

fabio gatti ceo dei marchi ebike Wayel, Hinergy Bikes e Italwin.

Fabio Gatti è il CEO di Five, azienda proprietaria dei marchi Wayel, Hinergy Bikes e, da quest’anno, Italwin.

BL: l’acquisizione quest’anno della Italwin va in questa direzione.

FG: esatto, il consolidamento delle attività di FIVE parte proprio da quest’anno, con Italwin iniziamo proprio dalla fiera di Cosmobike.

Il nostro obiettivo è quello di affermarci come leader del mercato nazionale delle bici elettriche.

BL: quali sono i brand del gruppo FIVE?

FG: sono quattro. Innanzitutto Wayel, brand urban di fascia medio alta; poi Hinergy bikes con proposte economiche e sportive; Italwin che propone un’ampia gamma molto commerciale; per ultimo il marchio Momo Design, rivolto ad una nicchia “di lusso”.

BL: cosa usate come sistema elettrico?

GF: principalmente usiamo il Bafang col motore al mozzo su gran parte delle urban, per le sportive e alcuni progetti utilizziamo il nostro mid drive (motore centrale, N.d.a.) FIVE.

BL: la distribuzione dei prodotti FIVE come sarà organizzata?

FG: per il brand Wayel abbiamo il franchising, a tutt’oggi sono 15 i negozi monomarca su tutto il territorio nazionale: è fondamentale che l’azienda sia vicina al consumatore finale.

Per Italwin e gli altri brand c’è invece la rete di agenti che funziona benissimo, il classico rivenditore con officina vicino casa è un punto di riferimento “immortale” che il web non potrà mai sostituire, checché se ne fosse pensato fino a poco tempo fa.

BL: crediamo proprio che vedremo spesso FIVE sulle nostre strade. Grazie per l’intervista, Fabio.

FG: Grazie a voi e buone pedalate “assistite”!

A proposito dell'autore

Da sempre un grande appassionato di natura e bici e accanito difensore dell’ambiente. Lavora come organizzatore di bike tour con il suo Coast2Coast in tutta l'area del Mediterraneo, inoltre da anni collabora come freelance per alcune delle più importanti riviste di mountain bike italiane.