Share with your friends










Inviare

Quando qualche tempo fa abbiamo intervistato Claus Fleischer, CEO di Bosch Ebike Systems, sono emerse parecchie novità molto interessanti che restituisco il quadro di un segmento ebike in evoluzione non solo continua ma anche molto rapida, e fra queste novità si è parlato anche di Bosch eShift.

Questa soluzione di cambio in realtà risale al 2016, quando Bosch ha cominciato a svilupparla insieme ad altri grandi produttori e innovatori del settore, e già allora aveva portato nuove funzioni a cambi automatici quali SRAM DD3 Pulse, Shimano Di2 e NuVinci H|Sync, ma il 2019 vede un ampliamento delle funzionalità e una espansione del parco cambi che possono usufruire di questo sistema.

Andiamo a vedere nel dettaglio le novità.

Bosch eShift

Città, percorsi interurbani, trekking o sentieri off road: Bosch eShift troverà la marcia giusta.

Bosch eShift con enviolo NuVinci Optimized

In questo caso il cambio è continuo, può essere impiegato anche su Speed pedelec con assistenza alla pedalata fino a 45 chilometri orari e ha la frequenza di pedalata impostabile su un valore variabile fra 30 e 100 giri al minuto, così da poter condurre l’e-bike distribuendo sempre il carico in modo omogeneo e senza mai toccare una frequenza troppo elevata.

Bosch eShift con Rohloff

Il cambio è integrato nel mozzo Rohloff E-14, permette 14 marce (visualizzabili sul display Bosch) con un rapporto di trasmissione fino al 526% nella funzione Multishift.

L’integrazione nel mozzo assicura affidabilità anche per le prestazioni più elevate e anche in questo caso il tutto può essere impiegato pure sulle Speed e-bike con assistenza fino a 45 chilometri orari.

Bosch eShift con Shimano

Nel caso della piattaforma Shimano per cambio elettronico occorre operare una distinzione. Vi è infatti una versione che presenta il cambio al deragliatore (nello specifico: Shimano XTR Di2 o Shimano Deore XT Di2) che è concepita per un impiego su guide sportive quali le eMTB.

L’altra versione (Shimano Nexus Di2 e Shimano Alfine Di2) presenta invece il cambio automatico integrato nel mozzo ed è indicata per i percorsi urbani o le escursioni trekking, e se si vuole si possono cambiare le marce anche manualmente tramite il tasto sul manubrio.

In questo caso la funzione auto-downshift procede a scalare a una marcia predefinita per permettere una partenza più semplice e in completa sicurezza.

Bosch eShift può essere impiegato con i vari display proprietari del brand tedesco: Intuvia, Kiox e Nyon.

Per avere maggiori dettagli su eShift e scoprire il rivenditore più vicino a voi, così come per consultare ogni altra scheda prodotto del marchio teutonico vi invitiamo a visitare il sito ufficiale Bosch eBike.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.