Bosch eBike System è sopraffatto dal successo delle sue nuove linee Active e Performance

Il 2 ottobre Bosch ha informato tutti i suoi clienti, attualmente oltre 50 brand del settore ciclo, che sarà costretta a prolungare i tempi di consegna da sei a otto mesi per quanto riguarda le linee Active e Performance del suo nuovo Bosch eBike System.

La nota casa tedesca giustifica questi pesanti ritardi sulle consegne come il risultato di tanto imprevisti quanto graditi elevati volumi di ordini per il quarto trimestre del 2013 e il primo trimestre del 2014.

Un'immagine di un Bosch eBike System Performance

Soprattutto l’elevata percentuale della seconda generazione dei sistemi Active e Performance ebike contro la prima generazione Classic Plus è la ragione dei problemi di consegna generati da capacità aggiuntiva e turni di produzione aggiuntivi. “Gli investimenti in capacità aggiuntiva e di produzione in più turni, anche nei fine settimana presso Bosch e fornitori, si rivela insufficiente per eliminare i colli di bottiglia”, ha scritto Claudia Wasko (Bosch eBike Systems Director Sales&Service) nella lettera ai suoi clienti del 2 ottobre 2013.


“Ci vorranno almeno fino al secondo trimestre del 2014 per risolvere l’arretrato corrente” Wasko ha aggiunto. “I nuovi ordini dal 1° ottobre 2013 non saranno consegnati prima del maggio 2014″. Per l’anno 2015 Wasko assicura ulteriori investimenti in capacità produttiva per abbreviare i tempi di consegna per i sistemi di ebike Bosch.

Un'immagine di un Bosch eBike System Active

Un indice, questo di Bosch, del grande successo che stanno ottenendo le ebike in tutta Europa e anche oltreoceano, ma anche un grande contributo all’Ambiente e al Mercato del lavoro. Beati loro!

Share on Pinterest

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Da sempre un grande appassionato di natura e bici e accanito difensore dell’ambiente. Lavora come organizzatore di bike tour con il suo Coast2Coast in tutta l'area del Mediterraneo, inoltre da anni collabora come freelance per alcune delle più importanti riviste di mountain bike italiane.