Share with your friends










Inviare

Bergamont, il marchio tedesco con sede a Amburgo nel quartiere di St. Pauli, ha presentato all’interno del suo catalogo e-bike 2020 una novità molto interessante: la cargo e-bike E-Cargoville LJ 70.

Già introdotto nel nostro Speciale sulle nuove cargo bike elettriche 2020, questo modello di bicicletta per trasporto materiali a pedalata assistita è stato lanciato da Bergamont con il seguente slogan “Heavy load. Easy riding” (Carico pesante. Pedalata leggera): un motto che la dice tutta sulle potenzialità della E-Cargoville LJ 70.

L’azienda Bergamont si propone come “parte integrante del cambiamento della mobilità” e vuole, grazie al proprio contributo, plasmare il settore della mobilità individuale offrendo soluzioni all’avanguardia e allo stesso tempo sostenibili.

Una e-Cargo Bergamont E-Cargoville LJ 70 in azione

Per tale motivo il brand di Amburgo ha deciso di tuffarsi nel mercato internazionale delle cargo e-bike per ampliare ulteriormente l’offerta del proprio catalogo di bici elettriche 2020.

Da qualche anno si sta infatti assistendo a una vera e propria rivoluzione nel mondo delle biciclette cargo, le quali stanno acquistando sempre più spazio nei contesti urbani grazie all’avvento dei motori elettrici.

La pedalata assistita ha permesso ai produttori di bici da trasporto di superare un grande ostacolo delle muscolari, ossia la difficoltà della pedalata a pieno carico o in salita: l’argomento è già stato trattato anche da bicilive.it nel nostro articolo che faceva un confronto fra cargo muscolare ed elettrica. Grazie a tale innovazione il 2020 potrebbe essere l’anno del boom di questi nuovi mezzi a due ruote e Bergamont sembra ben disposta a partecipare attivamente.

Una donna carica prodotti sulla e-Cargo Bergamont E-Cargoville LJ 70

Bergamont E-Cargoville LJ 70: dimensioni e caratteristiche tecniche

Progettata con particolare cura nei dettagli da parte dei tecnici di casa Bergamont, la E-Cargoville LJ 70 permette di muoversi e di muovere carichi pesanti all’interno dei circuiti cittadini, il tutto con una estrema facilità di pedalata.

Promuovendo il cambiamento della mobilità urbana, questa e-bike cargo è la giusta scelta per chi vuole essere eco-friendly e vuole dare il proprio contributo alla riduzione dell’inquinamento dell’aria.

Con una lunghezza di 268 cm e una larghezza di 51 cm, la E-Cargoville LJ 70 dispone di una zona di carico anteriore di dimensioni pari a 70 x 45 cm su cui è possibile posizionare agilmente il carico da trasportare, fino a un massimo di 90 kg.

Dal punto di vista del trasporto Bergamont ha pensato proprio a tutto: non solo merci o pacchi possono essere mossi grazie alla E-Cargoville, ma, grazie alle opzioni offerte, è possibile trasformare questa e-bike cargo in un piacevole mezzo con cui portare a spasso i bambini.

Una e-bike cargo Bergamont E-Cargoville LJ 70 gamma 2020

Tra gli accessori opzionali si trovano infatti il “kids rainy canopy” (rivestimento trasparente per proteggere i più piccoli dalla pioggia) e la “kids bench” (panca in bambù a due posti comprensiva di cinture di sicurezza). Anche il “bamboo luggage box” e il “box cover” figurano tra le componenti installabili a seconda della necessità e consentono di trasportare i propri bagagli in una resistente struttura in bambù, che può essere coperta da un rivestimento idrorepellente.

Creata per adattarsi perfettamente a ciclisti di altezza compresa tra i 160 e i 190 cm grazie alla Single Geometry Concept, la E-Cargoville LJ 70 si dimostra di facile manovrabilità anche nelle situazioni più difficili che si possono incontrare sulla strada: dai passaggi stretti ai rapidi stop-and-go dovuti al traffico.

Il tutto viene sicuramente facilitato dall’assistenza alla pedalata fornita dal motore di quarta generazione Bosch Cargo Line Drive Unit, capace di erogare una potenza di 250 W la quale permette di raggiungere una velocità massima di 25 km/h.

Dettaglio del manubrio della Bergamont E-Cargoville LJ 70 gamma 2020

Al suo fianco, gli ingegneri di Bergamont hanno deciso di posizionare una batteria Bosch da 625 Wh, completamente integrata nel telaio, che serve a garantire un’ottima autonomia. Per chi desidera restare più a lungo in sella per giri di chilometraggio più elevato esiste la possibilità di aggiungere una seconda batteria grazie alla predisposizione nella zona del tubo sella.

Completa il quadro del drive system il display compatto e a colori Kiox.

Passando al lato montaggio si nota la qualità costruttiva del telaio e della forcella rigida BGM Cargo, entrambi in alluminio 6061, nonché il valore dei componenti della E-Cargoville LJ 70.

Il dettaglio della trasmissione della cargo bike elettrica Bergamont E-Cargoville LJ 70 anno 2020

Tra essi figurano la precisa trasmissione Enviolo Controller che permette una cambiata veloce e accurata e l’impianto frenante composto dai freni a disco idrauilici Magura CMe5, con rotori 180/180 mm, che assicura sicurezza nelle situazioni più estreme.

Le ruote della Bergamont E-Cargoville LJ 70 presentano una doppia geometria: cerchi da 26″ al posteriore e da 20 pollici all’anteriore. I copertoni sono invece gli Schwalbe Super Moto-X che offrono rotolamento fluido e scorrevole sull’asfalto delle strade cittadine.

La sella Ergon ST10, il cavalletto centrale a due piedi e le luci anteriori e posteriori, utili per chi desidera spostarsi in totale sicurezza anche durante le ore notturne, completano il quadro della nuova E-Cargoville LJ 70.

Con un peso dichiarato di 44,2 chilogrammi, la Bergamont E-Cargoville LJ 70 è disponibile, pedali inclusi, a un prezzo di vendita al pubblico di 5.399 euro, comprensivo di IVA.

Per maggiori informazioni su questa e-Cargo e su tutti i modelli e-bike del catalogo 2020 di Bergamont vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del marchio tedesco.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Un ingegnere comasco con il cuore diviso tra mountain bike, che pratica per diletto nel tempo libero, e la corsa su strada, che ama seguire in TV e dal vivo. La passione per la prima nasce per amore della natura, la seconda grazie ad un nonno tifoso sfegatato del Pirata.