Share with your friends










Inviare

L’ultima edizione dell’Esposizione Internazionale Ciclo Motociclo e Accessori, tenutasi dal 7 al 12 novembre a Rho Fiera, Milano, è stata un grande successo e c’è già un forte e giustificato ottimismo per Eicma 2018, che si terrà come al solito a Milano, dal 6 all’11 novembre.

Gli ottimi dati riguardanti ogni aspetto del settore ciclo, dai visitatori agli espositori, passando per stampa e operatori, sono stati così positivi che sembrano aver preso di sorpresa persino gli organizzatori, che si aspettavano una buona edizione ma probabilmente non un miglioramento così netto e spiccato.

EICMA 2018 la storia continua

Il sogno non finisce: la storia continua a EICMA 2018 dal 6 all’11 novembre 2018.

Eicma 2017: le cifre di un trionfo

Senza falsa modestia e senza nascondersi, la settantacinquesima edizione di Eicma è stata riconosciuta come “la migliore da parecchi decenni”, una frase entusiasta, che può sembrare affermazione iperbolica ma che quando guardiamo alle cifre conferma di essere realistica e vera.

E guardiamole quindi, queste cifre, tenendo conto che tutti gli aumenti in percentuale sono da considerarsi in rapporto al biennio e quindi all’edizione 2015:

- I visitatori hanno fatto registrare un record di presenze, con una crescita del 24%, un incremento a due cifre che pochissime altre fiere e realtà, non solo del settore, possono vantare.
- Oltre 150 le novità e anteprime mondiali presentate in questa edizione.
- Ben il 20% in più di espositori, che hanno raggiunto quota 1.713, con provenienza da 42 Paesi diversi.
- Un aumento del 15% dell’occupato netto.
- Gli operatori esteri sono cresciuti del 28%.

L’Esposizione Internazionale del Ciclo e Motociclo, insomma, sta vivendo un periodo di assoluta salute sotto ogni punto di vista e, in alcuni aspetti e segmenti, ha conosciuto una crescita che spazia da un quarto a un terzo che ci lascia tanto sbalorditi quanto entusiasti.

Per sugellare tutto ciò, lasciamo spazio al consuntivo espresso da Antonello Montante, Presidente di EICMA SpA: “L’Esposizione Internazionale del Ciclo Motociclo si conferma l’evento più importante al mondo per l’intera filiera industriale delle due ruote.Un appuntamento imperdibile, un nuovo modello caratterizzato, oggi, da una forte connotazione internazionale.

I record registrati in questa 75° edizione la rendono la migliore degli ultimi decenni sotto tutti i punti di vista: numero espositori presenti, superficie occupata, operatori e affluenza di pubblico.

L’Esposizione conferma Milano come Capitale Mondiale delle due ruote. Un modello sinonimo di eccellenza, del saper fare italiano, che rappresenta oggi una realtà e una ricchezza per l’intero Paese.

Noi eravamo presenti e avevamo occhi solo per le biciclette a pedalata assistita, cliccate oltre per leggere il nostro speciale sulle ebike di EICMA 2017.

foto dello stand ebike Bike up a eicma 2017

A EICMA 2018 continuerà il sodalizio della fiera con BikeUP? Noi di ebike.bicilive.it ce lo auguriamo.

Eicma 2018: le ebike rubano il palco agli scooter

Ma Bicilive è un portale che si occupa di biciclette e ciclismo: come rapportare questo settore con una manifestazione che, nel bene o nel male, guarda più che altro al motore? Molto semplice: andando a guardare alla presenza delle biciclette elettriche in questa edizione, a ciò che ha significato e a cosa potrà portare fra un anno, a Eicma 2018.

Dalla partnership con BikeUp fino alla possibilità di effettuare test di biciclette elettriche a pedalata assistita, passando ovviamente per la presenza di grandi brand nazionali e internazionali, Eicma ha presentato molte novità ebike 2018 e la pedelec, in generale, è stata grande protagonista.

Siamo abituati a parlare della crescente diffusione dell’ebike considerando alcuni aspetti di vario tipo, ma comunque slegati rispetto a un contesto specialistico come Eicma: aggirandoci per l’Esposizione e leggendo alcuni articoli nei giorni seguenti, abbiamo invece visto la vittoria dell’ebike anche sotto un altro punto di vista.

In qualsiasi campo il progressivo affermarsi di un fenomeno avviene di solito grazie alla creazione, scoperta e rafforzamento di un nuovo gruppo di utenti, ma anche grazie al passaggio di consumatori da un campo all’altro.

E se è vero che le pedelec hanno attirato persone che non salivano più su nessun tipo di sella da parecchio tempo, abbiamo notato che la loro affermazione sta avvenendo anche a scapito degli scooter, che vedono contrarsi il loro mercato di fronte a un avversario più duttile e versatile, in particolare nelle grandi metropoli.

foto della kawasaki ksx 8.0

Anche Kawasaki propone biciclette elettriche a pedalata assistita: e non è il solo brand “da moto” a farlo.

Il confronto è in effetti impietoso: chi sale su un’ebike non ha bisogno di un casco (legalmente, anche se non finiremo mai di consigliare l’uso del casco), non consuma benzina, non deve passare attraverso la periodica revisione, non deve avere a che fare con bolli e assicurazioni e, oltre a risparmiare su tutte queste spese, avrà generalmente meno a che fare con il meccanico.

E i 25 chilometri all’ora delle ebike spesso bastano e avanzano nella giungla urbana, che offrono una guida ancora più plastica e godono di piste riservate.

È più che “naturale”, continuando la metafora della giungla, che l’ebike rubi spazio evoluzionistico agli scooter, è selezione e survival of the fittest, al momento l’ebike è più adatta del motorino.

Come Darwin ci insegna, ci vorrà del tempo e sicuramente resisteranno molti scooter particolari e di nicchia, ma nel lungo periodo e considerando la media, in particolare se teniamo conto del fatto che i prezzi caleranno sempre di più e sempre più velocemente, ci sarà poco da fare per il motore a scoppio.

Eicma 2018: sei padiglioni a due ruote

Già confermata la presenza di tutti i maggiori brand del settore negli oltre 100.000 metri quadrati di superficie complessiva, con i marchi esteri che rappresenteranno più del 40% del totale e un 15% circa costituito da nuovi iscritti.

E dopo i plausi ottenuti nella precedente edizione, ecco che anche per il 2018 è confermata la presenza di un’area tematica completamente dedicata all’Ebike che offrirà anche l’opportunità di testare vari modelli di pedelec del 2019. Fra gli altri spazi privilegiati nei sei padiglioni che andranno a comporre l’evento, ecco l’area dedicata alle Start Up, altro elemento centrale per qualsiasi tipo di due ruote, e naturalmente ampi spazi a una tematiche di fondamentale importanza quali il Turismo su due ruote e la Mobilità.

CI sarà poi modo di effettuare anche acquisti direttamente negli spazi di Eicma 2018, visto che sarà presente il settore Temporary Bikers Shop. Realizzato con la collaborazione di Moto.it, questo spazio permetterà la compravendita di accessori, abbigliamento e anche l’esposizione e vendita di moto d’epoca e due ruote usate.

E come ogni anno, anche nell’edizione 2018 torneranno le esibizioni dal vivo nell’area esterna: MotoLive ospiterà infatti spettacoli di intrattenimento di ogni tipo, musica dal vivo, gare, show ed esibizioni di molte discipline, dal Freestyle Motocross al Trial Acrobatico, assicurando ai frequentatori la possibilità di ammirare e incontrare alcuni fra i più noti piloti nazionali e internazionali.

Eicma 2018 si terrà sempre negli spazi di Rho Fiera a Milano, da martedì 6 a domenica 11 novembre: vogliamo scommettere già ora sul fatto che le biciclette elettriche a pedalata assistita avranno ancora più spazio e saranno ancora più protagoniste?

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Grande appassionato di natura, cinema e scrittura, collabora da anni con siti di musica, cinema, spettacolo e informazione occupandosi di varie tematiche. Milano gli ha fatto scoprire il mondo della bicicletta e da allora il suo amore per le due ruote continua a crescere inarrestabile.