Share with your friends










Inviare

La linea Élysée rappresenta il top di gamma delle city e-bike Brinke. E la versione Élysée 2 che ha strappato tanti consensi vanta addirittura un’evoluzione, la Élysée Evo.

Infatti, anche per quest’anno Brinke Bike ha presentato un’offerta estremamente ricca e i modelli inseriti nel catalogo ebike Brinke 2019 sono numerosi. Il top di gamma, come dicevamo, è rappresentato dalla linea Élysée che vanta due proposte, entrambe al prezzo di 2.999 euro, adatte sia all’uomo sia alla donna.

Ciò è possibile grazie allo scavalco basso della Brinke Élysée Evo Di2, con cambio automatico di ultima generazione Shimano Nexus Di2 a 5 velocità.

bici elettrica Élysée Evo Di2 con cambio automatico

Questo modello di city e-bike Brinke è stato ideato e realizzato per il contesto urbano, ma il massimo comfort garantito dal telaio lo rende ideale anche per le gite domenicali.

Infatti la componentistica studiata dall’azienda di Desenzano del Garda fa sì che la Élysée Evo Di2 sia adatta pure per il cicloturismo. Proprio così, la tecnologia d’avanguardia di Brinke si sposa con il design raffinato e confortevole di concezione francese.

Dettaglio del pneumatico e del parafango della bici elettrica Élysée Evo Di2

Élysée Evo, la nuova motorizzazione

Le Élysée Evo, grazie alla nuova drive unit centrale Shimano STEPS E6100, raggiunge i 25 km/h in assistenza (come da normativa italiana) e hanno un’autonomia che può raggiungere i 150 chilometri.

La batteria Shimano 36V 14Ah (500Wh) si ricarica al 100% in 5 ore, se invece si opta per una ricarica dell’80% di ore ne bastano due.

La collocazione della batteria studiata da Brinke la rende facilmente estraibile: installata sul portapacchi, lascia anche lo spazio necessario per utilizzare borse a tasca, cestini da portapacchi e, se necessario, permette la seduta di un bambino (il supporto sostiene fino a 25 chilogrammi di peso).

Dettaglio del freno anteriore della bici elettrica Élysée Evo Di2

Sensore torque e cadenza

Un’altra caratteristica delle e-bike Brinke è la dotazione di sensore torque e cadenza.

Infatti, il sensore attiva il motore in base alla pressione esercitata dal ciclista sul pedale, in questo modo la pedalata è molto naturale e al ciclista viene offerta solamente l’assistenza necessaria.

La cadenza, invece, garantisce una pedalata molto fluida perché interviene direttamente sull’erogazione effettuata dal motore. Se si pedala in pianura la torsione del pedale è bassa, di conseguenza la cadenza interviene a mantenere l’erogazione del motore costante.

Per questo i sensori di torque e cadenza, oltre a offrire il massimo comfort, assicurano il piacere di pedalare su una e-bike Brinke.

Dettaglio del faro della bici elettrica Élysée Evo Di2

Élysée Evo Di2, ideale per la città

Nei vari test fatti svolgere dall’azienda di Desenzano del Garda, Élysée Evo Di2 si è dimostrata sempre silenziosa e affidabile sia in ambito urbano sia che si optasse per un tratto extraurbano. Insomma, non è mai mancato il piacere di pedalare in totale sicurezza anche nel traffico cittadino che spesso si rivela particolarmente caotico.

La sensazione di grande stabilità nei percorsi urbani ed extraurbani è data anche dai freni a disco idraulici Shimano e dalle gomme Schwalbe Big Ben con cerchi a doppia camera 700C.

Questo modello, grazie al sistema di assistenza Shimano combinato con il gruppo elettronico, consente di ripartire in maniera brillante ed efficace durante i frequenti “stop&go” tipici proprio del traffico in città, scegliendo il rapporto più ideale con cui si vuole ripartire in maniera molto semplice dal menu del computer di bordo.

Dettaglio dei comandi sul manubrio della bici elettrica Élysée Evo Di2

Come acquistare le Élysée Evo Di2

La Élysée Evo Di2 è in vendita a 2.999 euro.

La City e-bike si può acquistare direttamente sul sito www.brinkebike.com oppure presso i rivenditori specializzati Brinke Bike.

iscrizione newsletter

Iscriviti alla newsletter di BiciLive.it


Ho letto e accetto le Politiche di Privacy

A proposito dell'autore

Appassionato di ciclismo, non si perde un Mondiale dalla vittoria di Moser a San Cristobal nel 1977. Adora le classiche di un giorno e le tappe di montagna dei grandi giri. Come tutti ha una bicicletta... e cerca di tenerla in garage il meno possibile.